CamminAq, alla riscoperta dell’Aquila e del suo patrimonio artistico e culturale

 

 

 

 

Oltre 150 persone hanno partecipato all’edizione 2015 di «CamminAq». L’iniziativa, organizzata dall’associazione scientifica Alba che si occupa di benessere e alimentazione ha tra gli obiettivi riscoprire e valorizzare il centro storico della città a sei anni dal sisma. Nonostante il maltempo, infatti, davvero tante persone, in particolare medici e studenti, hanno risposto all’appello lanciato dagli organizzatori. Alle 12 i partecipanti sono partiti dal Castello alla volta di piazza Duomo, percorrendo il centro storico, mentre Vincenzo Vivio, architetto e docente di storia dell’arte, ha illustrato l’importanza della città nella storia. «Quest’edizione di CamminAq», afferma Francesco Fagnani, presidente dell’associazione Alba, «è andata oltre le nostre aspettative e l’iniziativa è destinata a crescere. Abbiamo avuto riscontri positivi a livello nazionale». L’assessore allo Sport Emanuela Iorio ha garantito, per il prossimo anno, sostegno alla manifestazione creando i presupposti per un’ulteriore crescita. Rossella Iannarelli, direttore di Diabetologia dell’ospedale, ha sottolineato l’importanza «di invertire la rotta riguardo la patologia del diabete, che è in aumento nel mondo e in Italia, dove l’Abruzzo è tra le prime regioni per il numero di malati. Le armi principali per sconfiggere questa patologia sono il movimento, uno stile di vita sano e una corretta alimentazione».
 



Condividi

    



Commenta L'Articolo