A 101 anni, Ŕ morta Nunziata Serafina Leonardis - Fu l'infermiera di Guglielmo Marconi

 

 

 

 È morta serenamente, a 101 anni, Nunziata Serafina Leonardis in Chiodi. Ha mantenuto fino all’ultimo l’integrità mentale e si stava riprendendo dalla frattura del femore che aveva subito il mese scorso. Era ancora convinta che sarebbe riuscita a rientrare nella sua casa natale, a Tussio, lesionata dal terremoto di sette anni fa e ancora inagibile. La sua figura ha un valore storico che forse pochi conoscono. Si era diplomata, infatti, infermiera professionale, ed era stata per quasi due anni l’assistente personale di Guglielmo Marconi, vivendogli accanto prima sulla motonave “Elettra” e poi nella casa di via Condotti dove il senatore e grande scienziato morì nel luglio del 1937 a causa di una crisi cardiaca. Dopo aver cresciuto due figli era tornata al suo paese per sistemare la vecchia casa dei suoi, dove ha vissuto prima di trasferirsi alla residenza alberghiera Villa Duca degli Abruzzi all’Aquila che, proprio un anno fa, aveva organizzato per lei la festa dei cento anni. Nel piazzale della chiesa di Tussio, per l’occasione, fu eretto un cippo per ricordarla e piantato un albero accanto alla panchina dove spesso andava a sedersi, per rimirare il Gran Sasso e la sua Piana di Navelli. Era l’ultima nata di sei fratelli e fu aiutata dalla sorella maggiore, che si chiamava Carolina, a diplomarsi come infermiera professionale in un istituto di Roma. La sua morte, nonostante l’età avanzata, ha destato commozione a Tussio, dove questo pomeriggio alle 16 saranno celebrati i funerali.

 



Condividi

    



Commenta L'Articolo