Muore studentessa di 16 anni ancora da compiere, cittÓ in lutto

 

 

 

 La scuola aquilana è in lutto per la morte della giovane pianista Elena Pasquali, ex alunna dell’indirizzo musicale della scuola media Dante Alighieri e del liceo musicale. Elena, 16 anni ancora da compiere, era ricoverata da alcuni giorni ad Ancona dopo esservi stata trasferita dall’ospedale pediatrico di Atri. Ieri pomeriggio, dopo alcuni giorni trascorsi in attesa di una ripresa che purtroppo non c’è stata, i medici hanno dovuto staccare le macchine che la tenevano in vita. Elena sarà ricordata da tutti per la sua gioia di vivere, il coraggio nell’affrontare la sua malattia, la sua straordinaria passione per lo studio e per la musica. Elena Pasquali era infatti la migliore del corso di pianoforte sia alla Alighieri che al Liceo musicale, prima all’Aquila e poi a Teramo ( al liceo classico musicale Melchiorre Delfico), dove la famiglia si era trasferita pochi mesi fa. Elena partecipava a tutti i concorsi musicali, un giovane talento che raccoglieva premi e consensi, ed era amata da tutti i compagni di classe e dagli insegnanti. Dotata in tutte le discipline, aveva scelto il liceo musicale proprio per seguire il suo amore per il pianoforte. A settembre si era trasferita con la famiglia a Teramo, ma aveva mantenuto un legame fortissimo con i vecchi compagni di scuola dell’Aquila. Pochi giorni fa con alcuni di loro era andata a trovare i suoi professori della Alighieri, raccontando della nuova esperienza di Teramo, e delle tante aspettative che aveva per il futuro. La malattia la costringeva spesso ad alcuni brevi periodi di ricovero al centro pediatrico di Atri, che era diventato per lei come una seconda casa, con i medici e le infermiere del reparto che la accoglievano sempre con grande affetto. L’ultima volta volta pochi giorni fa, quando le sue condizioni sono improvvisamente peggiorate tanto da costringere i medici al trasferimento all’ospedale di Ancona. Ieri, purtroppo, i medici hanno dovuto arrendersi e staccare la spina.


 



Condividi

    



Commenta L'Articolo