Feste di fine anno in cittÓ Previsti 150 appuntamenti

 

 

 

 Oltre 150 appuntamenti, tra il mese di dicembre e i primi giorni di gennaio, organizzati e proposti da 64 associazioni e istituzioni culturali. Sono i numeri del cartellone natalizio del Comune dell’Aquila presentato ieri mattina in conferenza stampa dall’assessore alla Cultura, Betty Leone. Dai presepi tradizionali (a Pianola il 25 dicembre, il 26 a Camarda e il 28 a Coppito) alle cantate e cori di Natale, dalle rassegne teatrali a quelle cinematografiche, dai mercatini ai concerti di musica, da eventi sportivi a spettacoli di danza. In particolare, numerosi saranno i mercatini: dal 1° al 31 dicembre alla villa comunale, dal 6 dicembre al 6 gennaio nel palazzo Unicredit di corso Vittorio Emanuele, dall’8 dicembre al 6 gennaio nella sede del movimento celestiniano, da oggi a domenica, il 17 e 18 e il 25 il 26 nel parco del castello. In cartellone anche mostre fotografiche e numerosi eventi per bambini, per i quali sono previsti spettacoli e laboratori teatrali. Non mancherà il tradizionale concerto di inizio anno, all’auditorium del Parco (ore 11.30) e per i più giovani un evento per la notte di Capodanno in piazza Duomo. La brochure, con tutti gli eventi, sarà distribuita in 5mila copie nelle sedi del Comune e nei principali luoghi di aggregazione della città. Sarà scaricabile anche dal sito del Comune. «Ancora una volta L’Aquila ha confermato la sua vivacità culturale, grazie al protagonismo delle associazioni e delle istituzioni culturali, che voglio ringraziare, non solo per le iniziative di qualità, ma per la capacità di tenere unito il tessuto sociale cittadino», ha dichiarato l’assessore Leone, «siamo orgogliosi della ricchezza di questo cartellone, che quest’anno vede protagoniste anche molte frazioni, insieme al centro storico della città». Soddisfazione è stata espressa anche dal sindaco Massimo Cialente nell’intervento di apertura della brochure: «Le difficoltà non ci hanno paralizzato; abbiamo reagito, trovando la forza di rialzarci e di andare avanti».

 



Condividi

    



Commenta L'Articolo