Bimba travolta da una jeep, Ŕ gravissima

Scesa dall’autobus, dopo essere stata in gita scolastica a Pescara, è stata travolta da una jeep. Ora la bambina, di 12 anni, di Rovere, frazione di Rocca di Mezzo, è in gravissime condizioni all’ospedale San Salvatore a causa di un forte ematoma alla testa e di profonde lesioni alla milza. Queste, infatti, sono le risultanze degli esami strumentali effettuati dopo il ricovero in ospedale. L’incidente, su quale indagano i carabinieri della stazione di Rocca di Mezzo, si è verificato intorno alle 17,30 di ieri. La bambina era stata con i compagni di scuola ad assistere a una rappresentazione teatrale a Pescara. L’autocorriera che riportava la scolaresca ha fatto sosta proprio davanti alla abitazione della ragazzina che si trova, per l’appunto, nella frazione di Rovere. Secondo una prima ricostruzione, ancora da verificare, la piccola sarebbe scesa dal bus attraversando subito la strada insieme a qualche altro compagno. Questo mentre stava passando la jeep condotta da un giovane rocchigiano. Il conducente è riuscito a schivare altri due bambini ma non la piccola di Rovere che è finita sul cofano per poi volare sull’asfalto. Tra le grida di disperazione della gente i soccorsi sono scattati subito. Tra i primi a verificarne le condizioni la moglie del sindaco di Rocca di Mezzo, Emilio Nusca, che è medico. Poi sono arrivati gli operatori del 118 che hanno trasportato la bambina in elicottero all’ospedale dell’Aquila dove attualmente è ricoverata in prognosi riservata nel reparto di rianimazione. Ora i medici confidano nella riduzione dell’ematoma. E’ quello il problema principale da risolvere più che quello alla milza senza della quale si può sopravvivere. Le indagini dei carabinieri sono finalizzate non solo a chiarire la dinamica dell’investimento ma anche come la piccola e i suoi amici possano essere scesi da soli dal bus, ammesso che ci siano state negligenze.



Condividi

    



Commenta L'Articolo