San Gabriele benedice 12mila studenti

(Da Il Centro) - E’ con una esplosione di applausi che i ragazzi dei 100 giorni agli esami hanno accompagnato la benedizione delle penne. Le hanno impugnate e, con le mani protese verso l’alto, si sono stretti ai frati passionisti nel tradizionale rito. E’ stato questo uno dei momenti più intensi della giornata che ha visto oltre 12mila studenti invadere pacificamente il santuario di San Gabriele dell’Addolorata per chiedere protezione in vista dei tanto temuti esami. Così come ogni anno, anche ieri mattina sono arrivati da tutto l’Abruzzo e dalle Marche indossando maglie colorate e personalizzate.
 Ragazzi di Chieti, Teramo, L’Aquila e Pescara ma anche di San Benedetto del Tronto, che hanno animato il piazzale con balli e canti.
 RECORD DI CREDITI. Ma la festa è accompagnata anche dalla preoccupazione per i debiti da recuperare. E’ quanto emerge da un’indagine on line condotta da Skuola.net su un campione di maturandi. Il 55% degli intervistati (965 ragazzi) deve recuperare almeno un debito formativo. Il 18% ne ha solo uno, il 13% due, il 10% tre e il 14% addirittura quattro. Nel 2010, secondo le rilevazioni del Ministero - la cifra era vicina al 70% ma poi alla fine i non ammessi sono stati meno del 10%. Nonostante le lacune da colmare i 100 giorni offrono comunque agli studenti un’occasione per distrarsi e per esorcizzare la paure. Due studenti su tre organizzeranno qualcosa: vanno per la maggiore le vacanze di uno o più giorni (15% e 17%) nonché la cena di classe (19%). Ma c’é pure un 7% che opta per la discoteca e un 4% che resterà a casa.
 GLI STUDENTI. C’è chi si è preparato portando da casa tutto l’occorrente. Samuele Giampietro e i compagni del 5ºC dell’Istituto tecnico commerciale di Penne stanno scaricando dal furgone le panche e la griglia per cuocere la carne. «Io e altri compagni siamo dei ripetenti e per la seconda volta siamo venuti a San Gabriele per chiedergli una mano per passare gli esami» dichiara. Jacopo Attornese della 5ºB Ragioneria di Nereto ha voluto esserci a tutti i costi nonostante un infortunio al piede che lo costringe ad usare le stampelle. «Noi siamo gli irriducibili della nostra classe», dice sorridendo, «visto che gli altri sono tutti in gita ma per noi era un giorno troppo importante e non potevamo mancare». Sono in partenza, invece, i ragazzi della 5ºA dello scientifico di Giulianova. «Tra poche ore partiamo per Barcellona ma abbiamo deciso di passare prima a San Gabriele», dice Stefano Di Giosa, «alcuni di noi sono venuti per chiedere la grazia che lo scorso anno non hanno ricevuto». Hanno le maglie personalizzate i ragazzi della 5ºE dell’alberghiero dell’Aquila. Dietro ci sono scritti i loro nomi «perché abbiamo preso spunto dalle squadre di calcio», dice Federico Coda, «il preside non voleva che venissimo e abbiamo passato due ore davanti alla scuola prima di partire». Seduti lontano dal vivo della festa ci sono i ragazzi del 5ºC del liceo linguistico di Chieti. Mattia Cavallucci si fa portavoce dei compagni. «Siamo già stati a messa ed ora», dice, «cerchiamo di riposarci un po’ visto che la giornata è ancora lunga».
“100 giorni al punto d’arrivo” recita la maglia, scritta rigorosamente in dialetto, dei ragazzi della 5B dell’Istituto tecnico dell’Aquila. Una giornata piena la loro. «Come da tradizione ci siamo radunati assieme alle altre classi di fronte alla scuola prima delle partenza e rimarremo fino al termine». E ad aggiudicarsi il titolo di maglietta di questa edizione dei 100 giorni sono stati i ragazzi del 5º Pedagogico di Roseto.
 MALORI E DENUNCE. Anche quest’anno non sono mancati i malori da alcol. Nel pomeriggio la tenda del primo soccorso era piena di studenti con amici in attesa di avere notizie. Il prossimo appuntamento con il santo dei giovani è per il 15 luglio quando si terrà la giornata di ringraziamento per la maturità. E tante anche le denunce fatte dai carabinieri.
 Un 23enne pescarese è stato denunciato perché trovato in possesso di un grammo e mezzo di marijuana e mezzo di hascisc. Un 17enne teramano, invece, è stato denunciato per un coltello a serramanico.
 Un 20enne giuliese è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza: gli è stata ritirata la patente e sequestrata la vettura. Otto i giovani segnalati alla prefettura come consumatori di droghe.



Condividi

    



Commenta L'Articolo



Categorie News

Cerca nel sito