UN SANTUARIO NELLA PARROCCHIA DI ASSERGI

La chiesa di San Pietro della Ienca, collocata nella nostra diocesi, nel territorio della parrocchia di Assergi, è divenuta un punto di riferimento spirituale e un luogo di pellegrinaggio.

Infatti, questa piccola chiesa è stata méta di frequenti soste di preghiera dal Beato Giovanni Paolo II, che l'ha scelta come luogo di "contemplazione di DIo a contatto con la natura".


Dalle testimonianze che ci è stato possibile raccogliere, il Santo Padre Giovanni Paolo II amava essere qui, proprio in questa chiesetta di montagna, lasciato in solitudine a pregare.

Tutti conoscono l'amore per la montagna del Beato Giovanni Paolo II, che proveniva dalla regione polacca vicina ai monti Tatra.

La scelta di dedicare a Lui questo Santuario vuole essere un invito a tutti coloro che salgono in questi monti a contemplare la bellezza di Dio e a lodare la sua divina saggezza e provvidenza, così come era solito fare il Beato Giovanni Paolo II il quale, non sceglieva le montagne come méta di semplice svago o riposo fisico, bensì come méta di spirituale elevazione al mistero divino e di preghiera.

Desiderando dunque dare un assetto canonico alla chiesa che ne evidenzi il carattere di luogo di pellegrinaggio e punto di riferimento spirituale, sentiti il Consiglio Presbiterale Diocesano, il Consiglio Episcopale ed il Collegio dei Consultori, visti i cann. 1230-1234;

erigiamo la suddetta chiesa Santuario diocesano "Beato Giovanni Paolo II" con sede in San Pietro della Ienca.

Aproviamo inoltre lo statuto del Santuario diocesano "Beato Giovanni Paolo II" nel testo allegato al presente decreto.
L'Aquila, dalla Curia Metropolitana, 18 maggio 2011


+ Giuseppe Molinari
Arcivescovo Metropolita

Can. Sergio Maggioni
Cancelliere Arcivescovile



Condividi

    



Commenta L'Articolo



10-06-2011 - Ciao Antonio, ti consiglio di correggere l'articolo in quanto Ŕ stato ufficializzato che il Santuario appartiene alla parrocchia di Camarda. Vedi lettera della Curia Metropolitana del 18 maggio 2011 protocollo n░ 126/11. un saluto Walter Scipioni