Un regalo inatteso per il Centro Sperimentale di Cinematografia Sede de L'Aquila

La sede aquilana del Centro sperimentale di cinematografia è salva! Il consiglio regionale abruzzese ha stanziato le risorse necessarie per assicurare il funzionamento della scuola per il prossimo triennio.

 


"Il regalo più bello e inatteso per la sede dell’Aquila del CSC non l’abbiamo trovato sotto l’albero di Natale, ma è arrivato oggi direttamente dal consiglio regionale abruzzese, riunito per l’approvazione del bilancio di previsione 2019. Grazie, in particolare, allo straordinario, tenace e convinto lavoro svolto in questi giorni dal presidente vicario Giovanni Lolli e dal consigliere Pierpaolo Pietrucci, nel bilancio approvato sono state, infatti, stanziate le risorse necessarie ad assicurare il funzionamento della sede dell’Aquila della scuola nazionale di cinema per il triennio 2019 - 2021.
Ringrazio pubblicamente Lolli e Pietrucci per tutto quanto hanno saputo e voluto fare, soprattutto perché animati dal forte convincimento che il cinema e l’audiovisivo siano non solo utili alla crescita culturale e sociale del territorio, aquilano ed abruzzese, ma che rappresentino altresì strumenti di straordinaria rilevanza per alimentare le speranze dei tanti giovani che continuano a credere che per trasformare i propri sogni in opportunità lavorative non si debba necessariamente andare altrove. L’Abruzzo è una terra difficile, da sempre segnata dalle avversità, ma comunque capace di reagire e ripartire, grazie alla tenacia e alla volontà dei suoi abitanti.
Il CSC, con il cinema e l’audiovisivo, vuole dare un contributo significativo a questo progetto, continuando a formare, a livello di eccellenza, talenti e professionisti, ed affiancando e supportando le istituzioni territoriali nella realizzazione delle attività artistiche cinematografiche.
Desidero condividere con voi tutti la gioia e la soddisfazione degli studenti, dei docenti e dei dipendenti della sede dell’Aquila del CSC!!
Evviva!!"

­čŹż­čąé­čąé@Marcello Foti, direttore generale"

 



Condividi

    



Commenta L'Articolo