RICORDO DI GABRIELLA MORINI - di Giovanni Altobelli

Una donna artista: (insegnante di danza,  pittrice,  disegnatrice,  poetessa, animalista per eccellenza e umanista.)

                                                   

 

 

Gabriella Maria Morini nasce a Milano il 17.3.1940 da una modesta famiglia, oltre ai genitori ha altre due sorelle, la più grande Anna e la più piccola Stefania. Gabriella fin da ragazza, oltre ad avere un animo nobile, dimostra di avere una grande vena artistica e per le cose belle che la gratificano per tutta la sua vita. Trascorre l’adolescenza e gioventù a Milano come tutte le ragazze dell’epoca. L’anno 1960 all’età  di venti anni a Rimini conosce un giovane di Filetto dell’Aquila, Angelo Flavini. S’innamorano e dopo qualche anno si uniscono in matrimonio e sposano a Milano il 5.5.1963. La coppia subito si stabilisce a vivere a Torre Pedrera  (Rimini). Angelo insieme a suo cognato, marito della prima sorella Anna, un certo “Armando Boschi”, gestiscono un negozio di elettrodomestici. Gabriella trascorre la sua vita tranquilla, ma sempre impegnata nell’insegnamento della danza alle bambine fra i teatri di Rimini e San Marino. Ma non trascura  mai gli altri hobby: “della poesia, della pittura e quant’altro”... Dopo trenta anni trascorsi a Torre Pedrera (Rimini) ,  precisamente l’anno 1993 i coniugi Angelo e Gabriella Flavini si trasferiscono a Filetto (Aq), paese nativo di Angelo. L’anno 1994/95 costruiscono all’ingresso del paese una bella casa. Gabriella e Angelo a Filetto passano una vita serena. Diversi anni fa Gabriella a Filetto ha preparato le giovani ragazze alla danza durante le feste d’estate in paese.  Oltre alla sua arte, Gabriella è una fervida animalista; avendo un enorme spazio vicino la sua casa, custodisce  con tanta dedizione e cura una grande comunità di cani randagi a proprie spese, quasi venti cani aiutata con grande sacrificio dal marito.  Con grande passione i coniugi Angelo e Gabriella fino al 2013 governano con amore le povere bestie. Con il passar degli anni Gabriella  si indebolisce e si ammala, il marito è costretto a diminuire all’improvviso il numero di cani. La povera Gabriella si aggrava successivamente, morirà il 28.5.2018. Il marito, avendo avuto fiducia del sottoscritto mi ha fornito il materiale necessario per il ricordo di Gabriella da pubblicare su questo sito ed altr.

Mara Cupillari Bellissimo ricordo di una persona straordinaria, di una dolcezza infinita e una bontà d'animo fuori dal comune!
  •  
  • Alessia Memmi Grazie mille per questo ricordo
  •  
  • Amalia Flavini Ciao zia sicuramente starai ancora insegnando danza lassù e continuerai ad amare e proteggere tutti i tuoi e nostri amici pelosi ....con affetto Ti ricordiamo😇

Seguono alcune poesie, foto di Gabriela Morini.

POESIE
di Gabriella Morini


La mia preghiera

O Signore infondi in noi il dono
della semplicità dell’umiltà, dell’onesta’
e aiutaci a vivere serenamente il difficile
e spesso triste cammino della vita.
Ti preghiamo ascoltaci o Signore.
                            
Saper vivere la vita


Nella vita ho tanto tribolato
Ma un bel giorno ho sognato. Arrivata in alta quota,
La mia dimora ho realizzato. Il grande dono della vita
Che Dio mi ha dato. Agli animali tanto amore ho donato.
Quanti cani abbandonati si sono a me avvicinati.
A loro per tutti una carezza, acqua cibo e sicurezza.
Quanti cani abbandonati si sono a me avvicinati. A loro
per tutti una carezza, acqua cibo e sicurezza. Quanta
gioia ogni giorno man dato. Amore federe e disinteressato
e con me hanno dimenticato.  La sofferenza del loro
abbandono. Tutto ciò che Dio ha creato ha chiesto amore
e rispetto. Ma l’uomo vigliaccamente nella sofferenza
l’animale ha gettato…

Il piccolo solitario

Un gattino molto nero se ne andava un bel mattino.
Tutto lesto lesto lesto per i viali di un  giardino.
Assai triste è il piccoletto non ha casa ne un ossetto.
Ma chi lo sa forse un giorno anche per lui la
fortuna arriverà…

La mia città

Affacciata alla finestra di questa grande metropoli
ed estasiata dallo sguardo io ti ammiro o bella
Milano. Il velo di nebbia che spesso ti
avvolge e circonda ti fa sembrar più bella e
misteriosa.  In autunno cadono le foglie silenziose
silenziose come neve ed io sopra ci cammino lieve
lieve. Il tempo è fuggito e lontana m’ha portata.
Ma io ti ricorderò sempre o mia bella Milano…

Alcuni detti…

La danza esprime tutto ciò che la musica racchiude.
Danzare è vivere la vita. La danza è l’arte del movimento.
Chi vive speculando sul bene altrui non otterrà mai niente
e chi fa per lui.  Più conosco gli uomini più amo gli animali.
Non esiste animale più feroce dell’uomo…
                                                                                  
Casa casetta mia…

La mia casa non è grande.
Ma io bene egual ci sto. Niente pargoli
ad allietarla. Ma felice vivo ogni ora.  La
nell’angolo della stanza c’è una piccola
voliera ad allietar tutta la casa da mattino sino
a sera. Sul divano c’e un gattino bianco nero
piccolino con le fusa si trastulla pei suoi sogni
di leon. Film di Luc Besson con Jean Reno.
                                                                                                 .
Tempesta

Il cielo si fece nero. La terra si fece scura. Intorno tutto era silenzio.
Regnava sol la paura. Il vento da lontano già forte sibilava e i novelli steli
a  terra tutti li buttava. Il povero contadino seduto nella capanna guardava
con terrore. La strage del suo sudore…

La Primavera


Nell’incanto d’un mattino s’è destata una fanciulla. Risciogliendo la sua chioma alla fresca
brezzolina. Ma che c’è di tanto strano che si sente in ogni cuore. Risvegliando come incanto il profumo di ogni fiore. E’ tornata primavera con il canto dei fringuelli  dipingendo ogni prato il color degli acquarelli. Scorre gaio il ruscello ombreggiato dal castagno. Ne fa coro  un bel galletto impettito nel pollaio. Suonano liete le campane di un lontano paesello. Festeggiando a canzoni gaie il ritorno del tempo bello…

 



Condividi

    



Commenta L'Articolo