Municipalizzate, una nuova azienda assorbirÓ circa 40 lavoratori in esubero dalle altre aziende

Addio Cda delle aziende comunali, al loro posto arriveranno entro fine anno, per ognuna, un amministratore unico e un direttore generale. Il sindaco Massimo Cialente intende al più presto istituire due albi (amministratore e direttore) attraverso la pubblicazione di bandi pubblici. È solo una delle novità che caratterizzerà di qui alle prossime settimane la rivoluzione delle Spa comunali che «in cinque anni - assicura Cialente - saranno tutte in pareggio. Entro l’anno tutte dovranno presentare il proprio piano industriale». Da registrare anche una new entry, la società ancora senza nome che dovrà gestire la manutenzione degli alloggi di progetto Case o Map. «Abbiamo pensato a una newco, oppure a un ramo di azienda dell’Asm - spiega Cialente -. Assorbirà circa 40 lavoratori in esubero dalle altre aziende (in totale sono un centinaio) si tratta di 7 lavoratori del servizio cimiteriale, 15 operai del Centro turistico e 15 amministrativi. A breve saranno attivati dei corsi di formazione regionali per formare gli operai». Man mano il sindaco intende rendere sempre più versatili grazie alla formazione i dipendenti della Spa in modo tale da poter essere riassorbiti dalle altre.
Emblematico il caso dei nuovi 7 autisti Ama che saranno reclutati sommando due dipendenti del centro turistico e 5 dell’Asm. Tutti i dipendenti Spa faranno inoltre un corso per autisti. La nuova società sarà istituita entro la fine dell’anno. Anche in questa circostanza Cialente non ha risparmiato gli strali alla passata amministrazione Tempesta che ha fatto raddoppiare il numero dei dipendenti delle spa. «Del resto - sottolinea Cialente - l’Afm era il feudo di De Matteis, il Ctgs di An, il Sed, l’Asm e l’Ama erano targati Forza Italia. In queste società si fecero tutte assunzioni a chiamata diretta». Il sindaco ha altresì annunciato la pulizia dei bilanci societari degli ultimi dieci anni che fa il paio con l’operazione verità attraverso la commissione d’inchiesta.


 



Condividi

    



Commenta L'Articolo