L'Asino: un animale da salvare

L'asino che vedete nella foto, è di Leandro Giannangeli che dimostra una spiccata sensibilità verso la natura e verso questo aninimale che tanto a fatto per l'uomo e che invece non viene minimamente preso in considerazione da chi dovrebbe tutelare il patrimonio faunistico.  L'animale, fa bella mostra di se all'interno della recinzione della casa e si può ammirare dalla strada provinciale, subito dopo la sede del Parco. L'asino è l'animale da soma più noto nel mondo, più di ogni altro, è stato storicamente sfruttato dall'uomo. Ha infatti svolto le molteplici funzioni di animale da traino, da soma e da sella, vera forza motrice di un'economia preindustriale senza benzina, l'asino ha rappresentato fino agli anni 70 l'unico mezzo di locomozione e di trasporto per i contadini di Assergi.
L
'evoluzione tecnologica, lo sviluppo economico e la diffusione di macchine agricole semplici ed efficienti hanno reso l'asino sempre meno utile al suo tradizionale  lavoro, cosicché, questo animale è diventato una rarità e rischia sempre di più l'estinzione. La sua natura forte e robusta, le sue abitudini sobrie e frugali e, senza dubbio, il suo carattere ostinato, hanno sempre indotto l'uomo a trattarlo con minor cura e maggior durezza che non gli altri animali domestici. Invece è ormai noto che il comportamento dell'asino domestico dipende, in larga misura, dal suo padrone: trattato e tenuto bene si dimostra svelto, docile e operoso; altrimenti è pigro, ottuso e testardo.



Condividi

    



Commenta L'Articolo