Assergi: segni esoterici sul portale della chiesa

- di Sante Acitelli - Esistono, da sempre, simboli onnipresenti nella storia dell’Uomo fin dalla preistoria e confermatisi nella storia e nella cultura delle popolazioni più diverse, un retaggio, una testimonianza ancestrale; simboli come codici, come messaggi, come significati che l’uomo conosceva ed ai quali dava un significato ben preciso; l’uomo moderno ha dimenticato questa simbologia sopraffatta dalla tecnologia della comunicazione anche se, forse inconsciamente, continua nella ricerca di tali simboli. Simboli che si ripetono ad ogni latitudine ed al variare dei secoli quali il Nodo di Salomone che simboleggia, nella sua valenza originaria, proprio l’unione profonda dell’Uomo con la sfera del divino o la Swastika (la ruota cruciforme che allude al dinamismo cosmico), la spirale o evoluzione ciclica, i fiori con il più famoso Fiore della Vita, l’edera (immortalità), la treccia, la croce, la stella a sei punte (o Sigillo di Salomone), che alludono all’unione della Terra con il Cielo, alla circolarità del Tempo. Il motivo del “post” è la presenza di tali simboli sul portale della chiesa dell’Assunta ad Assergi, piccolo grande paese pedemontano del Gran Sasso.

Se ci soffermiamo, infatti, davanti al portale di ingresso, a destra della colonna a spirale, noteremo diversi dei simboli suddetti, testimonianza dell’importanza della chiesa nel medioevo per comunicare ai fedeli, ai viaggiatori quello che oggi si cerca con l’esoterismo. Alcuni simboli sono molto chiari ed evidenti come il Nodo di Salomone e la Swastika, altri meno comprensibili ed il “post” potrebbe sensibilizzare gente più informata di me per arricchire la conoscenza di questa splendida chiesa e incuriosire chi legge a visitare questo splendido territorio.

cifone


 



Condividi

    



Commenta L'Articolo