Univer City, il gusto di ballare in facoltÓ (giovedý 16 aprile)

 

 

Ormai ci siamo, giovedì 16 aprile nel polo universitario di Coppito I dalle 21 e fino a notte inoltrata c’è Univer City. Cos’è? Una festa? … Non solo.

Prendi un edificio pubblico, quello che da un po’ di tempo chiamiamo l’arena di Coppito I, che per vocazione architettonica è una piazza al coperto, e trasforma per una notte il luogo dello studio nel luogo dello svago, della musica del ballo. Metti in questo anfiteatro ad animare la serata attori importanti e rodati delle notti aquilane: DJ Carosone, Spagnoli RMX, Dababub Live, Elio Z voice. Portaci dentro gli universitari, gli studenti Erasmus, e i giovani della città e uniscili al ritmo di musica. Questi gli ingredienti di UniverCity. Questo succederà giovedì 16 aprile.

Ma allora come provare a convincere la gente che UniverCity non è solo una festa goliardica con musica e divertimento? Semplicemente con la consapevolezza che solo una festa UniverCity non lo è. Perché?
 

Per il luogo innanzitutto. L’atrio del polo di Coppito I, il luogo dove come in un “big-crunch” dopo il 6 aprile 2009 tutto l’Ateneo aquilano si era concentrato con tutta la sua gente, è un luogo intrinsecamente simbolico il luogo della “tenuta”, della resilienza, il punto fisico da cui ripartire.

Per il tempo, perché Univer City replica a distanza di dieci anni, che però sono un era geologica, un evento simile. C’era un'altra città, un'altra gioventù, un'altra università. E allora lo rifacciamo ... anzi lo rifacciamo meglio.

Per il modo, perché l’impronta dell’Università dell’Aquila e delle sue forze fresche, entusiaste, trasversali, sull’evento questa volta è voluta, decisa, ed evidente.

Per l’innovazione nella implementazione, perché questa festa la vogliamo fare mostrando la capacità organizzativa di un’Università ri-nascente che propone la goliardia e il divertimento in totale coniugazione con la sicurezza.

Non basta? Non siete convinti? Venite a vedere, ci sarà da divertirsi e da pensare.

Scarica l'orario della navetta per la festa.



Condividi

    



Commenta L'Articolo