Laboratori Nazionali Gran Sasso

Oltre 2000 studenti delle scuole superiori abruzzesi alla scoperta dei raggi cosmici

Che cosa sono i raggi cosmici e da dove provengono? Come possono essere misurate le particelle che li compongono? Queste sono alcune delle domande a cui cercheranno di dare risposta oltre 1200 di studenti e studentesse provenienti dalle scuole superiori della regione Abruzzo e circa800 dalle scuole superiori di altre città italiane durante l’International Cosmic Day (ICD), il prossimo 22 novembre.

L’evento si svolge in contemporanea in tutto il mondo ed è organizzato a L’Aquila dai Laboratori Nazionali del Gran Sasso (LNGS) dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), dal Gran Sasso Science Institute (GSSI) e dal Dipartimento di Scienze Fisiche e Chimiche dell’Università degli Studi dell’Aquila.

In questa edizione abruzzese, per garantire la partecipazione anche a coloro che non potranno essere in presenza a L’Aquila, l’evento si svolgerà presso i Laboratori Nazionali del Gran Sasso in una modalità ibrida, in presenza e online. Ottimo il riscontro avuto dalle scuole, con più di 2000 partecipanti alla modalità online e una delegazione di circa 50 studenti che giungeranno in presenza dalle zone di Chieti, L’Aquila, Pescara e Teramo. Entrambe le modalità saranno caratterizzate dalla partecipazione delle classi attraverso l’utilizzo dei cellulari e di applicazioni specifiche.

Nel corso della mattinata, infatti, tutti gli studenti analizzeranno i dati del Cosmic Ray Cube, un rivelatore di raggi cosmici, che permette di vedere le particelle prodotte dall’interazione dei raggi cosmici con l’atmosfera. I dati saranno raccolti tramite l’utilizzo di un’app (Cosmic Rays Live), sviluppata dai LNGS; che permette anche ai partecipanti connessi da remoto di acquisire i dati tramite l’utilizzo del loro smartphone. Gli studenti e le studentesse delle scuole superiori avranno modo di avvicinarsi al mondo della ricerca scientifica accompagnati da docenti, ricercatori e ricercatrici dei LNGS, del GSSI e dell’Università degli Studi dell’Aquila.

Alla fine della giornata i partecipanti saranno invitati a preparare, come in una vera collaborazione scientifica internazionale, un poster in lingua inglese che riassuma i risultati ottenuti, e gli elaborati saranno pubblicati online. Il miglior poster sarà poi premiato in un successivo appuntamento presso il GSSI in programma per l’inizio del 2023.

L’International Cosmic Day, giunta alla sua undicesima edizione, è coordinato dal centro di ricerca tedesco DESY di Amburgo e organizzata in collaborazione, oltre che con l’INFN e altri partner, con i più importanti centri di ricerca che operano nell’ambito della fisica delle particelle: il CERN di Ginevra, il FERMILAB di Chicago e i gruppi International Particle Physics Outreach Group (IPPOG), il tedesco Netzwerk Teilchenwelt e lo statunitense QuarkNet. In Italia l’iniziativa è organizzata dall’INFN in collaborazione con le Università che ospitano le Sezioni.

Oltre ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso, l’INFN organizzerà l’International Cosmic Day nelle città di Bari, Catania, Cosenza, Ferrara, Firenze, Genova, Lecce, LNF, Milano Bicocca, Napoli, Padova/LNL, Palermo, Pavia, Perugia, Pisa, Roma I, Roma Tor Vergata, Sassari, Siena, Torino, Trento/TIFPA, e Trieste. La rete di Sezioni INFN partecipanti all’ICD è coordinata da OCRA – Outreach Cosmic Ray Activities, un programma della Commissione Terza Missione, che raccoglie le attività di outreach sul tema dei raggi cosmici. Con l’obiettivo di essere di supporto ai docenti per coinvolgere le studentesse e gli studenti nel campo della fisica dei raggi cosmici, OCRA organizza diverse attività per le scuole e la cittadinanza, e si occupa dello sviluppo e della produzione di strumenti e percorsi online pensati per attività didattiche.

 



Condividi

    



Commenta L'Articolo




Last Post

Il meteorite Winchcombe, analizzato ai LNGS porta informazioni sull’origine degli oceani

Image Sample Il meteorite Winchcombe porta informazioni sull’origine degli oceani della Terra   Appena pubblicato su Science il lavoro di analisi sul meteorite Winchcombe (The Winchcombe meteorite, a unique and pristine witness from the outer solar system - https://www.science.org/doi/10.11...leggi tutto

Condividi



Cento scienziati provenienti da tutto il mondo al GSSI per DarkSide ai Laboratori del Gran Sasso

Image Sample   In questa settimana si sta svolgendo al GSSI la riunione della collaborazione scientifica DarkSide con la partecipazione di oltre cento scienziati provenienti dai principali centri di ricerca di tutto il mondo. La collaborazione internazionale DarkSide ha lo scopo di rile...leggi tutto

Condividi



Si è concluso il Programma INFN per Docenti ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso

Image Sample Si è concluso da qualche giorno  il Programma INFN per Docenti, un percorso di formazione e aggiornamento nel campo della fisica di base, della tecnologia ad essa connessa e delle sue applicazioni anche attraverso attività sperimentali che utilizzano le più moderne tecno...leggi tutto

Condividi



Studenti dell’Istituto d'Istruzione superiore A. D’Aosta ai Laboratori del Gran Sasso

Image Sample I Laboratori Nazionali del Gran Sasso hanno ospitato un gruppo di studenti dell’Istituto d'Istruzione Superiore "A. D'Aosta" -L'Aquila nell’ambito del PTCO. I PTCO (Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento) sono percorsi che permettono agli...leggi tutto

Condividi



A FRANK CALAPRICE IL BETHE PRIZE DELL’AMERICAN PHYSICAL SOCIETY PER IL SUO CONTROBUTO A BOREXINO

Image Sample “Per il suo pionieristico lavoro nella misura della completa spettroscopia dei neutrini solari con rivelatori di grande scala a ultra-basso fondo, nello specifico Borexino, culminata nell’osservazione dei neutrini dal ciclo CNO, che ha fornito la prova sperimentale del funzionamento d...leggi tutto

Condividi



A FRANK CALAPRICE IL BETHE PRIZE DELL’AMERICAN PHYSICAL SOCIETY PER IL SUO CONTROBUTO A BOREXINO

Image Sample “Per il suo pionieristico lavoro nella misura della completa spettroscopia dei neutrini solari con rivelatori di grande scala a ultra-basso fondo, nello specifico Borexino, culminata nell’osservazione dei neutrini dal ciclo CNO, che ha fornito la prova sperimentale del funzionamento d...leggi tutto

Condividi



Arte e scienza - Un’installazione permanente di Enrico Magnani ai Laboratori del Gran Sasso

Image Sample Inaugurata oggi ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso  “Quintessence”, un’installazione permanente nata all’interno dei Laboratori stessi e realizzata da Enrico Magnani, un ex ricercatore scientifico e artista contemporaneo conosciuto a livello internazionale che ha ...leggi tutto

Condividi



Scienza e arte ai Laboratori Nazionali del Gran sasso con “Quintessence”

Image Sample Martedì 11 ottobre si terrà presso i Laboratori Nazionali del Gran Sasso l’inaugurazione di “Quintessence”, un’istallazione permanente nata all’interno dei Laboratori stessi e realizzata da Enrico Magnani, un ex ricercatore scientifico e artista contemp...leggi tutto

Condividi



A UnivAq il trofeo del 3° triangolare della notte dei ricercatori

Image Sample A UnivAq il trofeo del 3° triangolare della notte dei ricercatori. - Dalla nostra inviata Marta Biaco -   La squadra di calcio dell’Università degli Studi dell’Aquila si aggiudica la terza edizione del triangolare di calcio “Soccer Night – Sfida...leggi tutto

Condividi



Nobel per la Fisica, Zoccoli (INFN): “premiati studi con sviluppi e prospettive rivoluzionarie”

Image Sample Il Premio Nobel per la Fisica 2022 è stato attribuito a Alain Aspect, John F. Clauser e Anton Zeilinger per i loro esperimenti sui fotoni entangled, stabilendo la violazione delle disuguaglianze di Bell e aprendo la strada alla scienza dell'informazione quantistica. "È...leggi tutto

Condividi



Archivio Post