Bacheca

Questa sezione è dedicata a tutti voi per lasciare commenti, saluti, esperienze e pensieri...


INSERISCI MESSAGGIO

13-06-2009 - Per chi fosse interessato: MARTEDI' 16 GIUGNO ROMA PIAZZA MONTECITORIO ORE 12:00 TUTTE E TUTTI IN PIAZZA PER L'ABRUZZO CHIAMATA A ROMA PER TUTTI I COMITATI CITTADINI, GLI AQUILANI SULLA COSTA E NELLE TENDOPOLI, LE CITTADINE E I CITTADINI SOLIDALI CON LA NOSTRA CITTA', SCIACALLATA E SVENDUTA. NO AL DECRETO AMMAZZA ABRUZZO. NO ALLA POLITICA DEL FATTO COMPIUTO. Le manifestazioni aquilane del 30 maggio e del 3 giugno sono state l’inizio. La consapevolezza crescente è che nessuno ci regalerà nulla e ogni piccolo diritto, scontato in un paese democratico, nel territorio italiano va gridato e preteso a voci unite. Quello che sta succedendo a L'Aquila è lo specchio di uno programmatico e costante svuotamento di significato della parola democrazia. L’esperienza del Friuli, la migliore tra le esperienze post-sisma, ci insegna che la chiave di volta di una ricostruzione efficiente è quella dal basso, in cui i cittadini non sono spettatori passivi ma forze attive nel pretendere trasparenza, partecipazione e ricostruzione al 100%. Tutto questo ha un prezzo, l’impegno quotidiano, e sarà possibile soltanto superando inutili divisioni e paure. Coinvolgiamo le persone intorno a noi, alziamo la voce e non chiudiamo gli occhi perché nessuno li terrà aperti al posto nostro. La campagna 100% prosegue: chiunque può firmare, anche direttamente da questo sito. Il prossimo appuntamento è il sit-in il 16 giugno a Roma dove stanno discutendo il decreto legge che segnerà il nostro futuro. Non abbiamo più la città, né case né lavoro. Cosa stiamo aspettando? PORTATE TENDE LEGGERE, CUSCINI E SACCHI A PELO. LA TENDOPOLI LA PORTIAMO IN PIAZZA.  100% ricostruzione - non siamo terremotati di serie B Questo Parlamento deve garantirci la riparazione di tutti i danni, così come promesso nei proclami televisivi. Contributi che coprano il 100% dei danni effettivamente subiti non solo da tutte le case, ma anche dalle attività produttive, culturali, etc.. non un centesimo più non un centesimo di meno. Finanziamenti in tempi certi e a fondo perduto. Ora servono soldi non giochi di prestigio.  100% partecipazione - città e paesi li ricostruiamo noi La cittadinanza deve essere coinvolta in TUTTE le scelte che riguardano il presente e futuro della ricostruzione. Basta con le scelte imposte dall’alto da chi non sa nulla di noi e di cosa vogliamo!  100% trasparenza - ogni centesimo che passa deve essere reso pubblico Le spese e i finanziamenti, tutto deve essere rendicontato e reso pubblico in internet, entrate e uscite fino alla singola fattura cominciando proprio dalla gestione della Protezione Civile, da ora fino alla fine della ricostruzione. Vogliamo sapere a chi stanno andando i soldi veri perchè gli Aquilani ancora non vedono un centesimo.  100% dignità - fuori dalle tende Un piano che prevede di lasciare per mesi, al caldo dell’estate e al freddo dell’autunno (dell’inverno?) decine di migliaia di persone, più che una missione impossibile è una missione sbagliata. Bisogna subito trovare soluzioni diverse e rivedere completamente il Piano C.A.S.E. (le casette per 13-15.000 persone) che il Governo vuole tirare su senza alcun piano vero e senza avere sentito chi ci dovrà abitare.  100% aquilani a L’Aquila - no allo spopolamento, tutti devono tornare A settembre tutti a scuola e nelle Università. Chi può ricominciare a produrre e lavorare deve essere sostenuto senza perdere altro tempo. Siamo qui e torneremo tutti qui, tra le montagne. Al mare e alle crociere penseremo poi..  100% riconoscenza e solidarietà ai Vigili del fuoco Sosteniamo con forza le richieste dei pompieri, ricordiamoci che uno di loro, il caposquadra Marco Cavagna, è morto di infarto per portarci soccorso, i vigili del fuoco sono stati gli unici veramente sempre al nostro fianco, dalla prima ora, prima osannati e presto abbandonati senza alcun riconoscimento economico per l’immenso lavoro svolto e per il rischio che corrono ancora per aiutarci. Il sit-in e’ promosso dai comitati di cittadini nell’ambito della campagna 100% http://www.100x100aq.org

Luca Pezzuto

Rispondi/Commenta

Risposta di - 13-06-2009
TUTTI COINVOLTI IN TUTTO= ANARCHIA E IMMOBILISMO...studiate il passato invece di decantarlo...finiremo tipo belice o irpinia continuando cosi..con sti pensieri

Risposta di Francesco Ferrazza ib zuccarin - 13-06-2009
Grazie per le informazioni tempestive che abbiamo tamite tutti voi faro' di tutto per manifestare con voi martedi. un abbraccio a parenti e amici Assergesi

Risposta di - 13-06-2009
Grazie per l'informazione come possessore di seconda casa, manifesterò con voi il mio malcontento nella mia città natale. ps. ma chi è l'imbecille che co tutti sti problemi che ci stanno scrive de mago merlino camelot etc.. ?! cerca di cresce và

Risposta di Antonio - 13-06-2009
o mago merlino ma tu ci sei stato in Friuli a ricostruire? lo sai che qua ci trattano come i terroni e dobbiamo pure stare zitti e non manifestare, anzi farci prendere in giro dal nano... ma che stai fuori?

Risposta di - 13-06-2009
Precisazione: Niente partiti o altro è il contenuto di una mail che mi hanno spedito e chiesto di inoltrare degli amici, di Paganica, L'aquila ed Onna membri di comitati associazioni o quant'altro è stato fatto da parte di ogni comune e o frazione terremotata nel tentativo di far sentire la propria voce Ho fatto semplicemente copia ed incolla, non so nemmeno chi l'ha scritta sinceramente... Comunque mi è sembrata un'informazione utile per chi fosse interessato ovviamente... ma cosa c'entra Camelot con tutto questo non lo so possibile che avete così tanta voglia di giocare, possibile che non si può lasciare un informazione che magari a qualcuno interessa senza avere il commento ironico (di dubbio gusto) di turno? non so che dire...

Risposta di Cesare Del Vescovo - 15-06-2009
Vorrei firmare per "la campagna 100%". Dove trovo il link? Grazie. Un assergese adottivo!

Risposta di - 15-06-2009
http://www.100x100aq.org

13-06-2009 - Bertolaso- dietrofront: i soldi ci sono Domanda :Dove trovare i soldi per la ricostruzione, visto che la commissione Ambiente della Camera ha detto che non ci sono? Risponde che la Commissione non ha la competenza per reperire i fondi; passa la “palla” a Tremonti il quale, in tempi non sospetti aveva garantito la copertura finanziaria; deligittimando, di fatto, le decisioni della Commissione Ambiente (?!?!?!?!) Domanda: Che garanzie sulle seconde case nei centri storici? Risponde che le garanzie esistono e vanno trovate nel decreto legge che deve essere “interpretato” (?!?!?!) Ricorda che Berlusconi ha garantito il suo impegno personale a finanziare al 100% le seconde case. Poi dice testualmente una frase “sibillina” e, a mio modo di capire, estremamente pericolosa ed ambigua: “personalmente non condivido la richiesta di copertura del 100% alle seconde case. Il criterio dovrebbe essere legato al reddito. Una cosa sono gli aquilani e gli abruzzesi che senza lussi hanno voluto investire su una seconda casa che rappresenta una sicurezza e un legame con le proprie origini, una cosa sono gli italiani di reddito sostanzioso che si possono permettere di ristrutturare una seconda casa”. Che dire? Ogni giorno contraddice il precedente, ogni giorno il contrario del domani, ogni giorno si sta in “apnea” aspettando notizie che si contraddicono tra loro! A parte la “ricostruzione”, le scosse continue, le verifiche, i moduli abitativi, ma ancora e nemmeno informazioni chiare, certe e definitive?????? cifone

sante - cifone

Rispondi/Commenta

12-06-2009 - "scattata oggi" correggo il precedente messaggio.. In ultimo, per voi il campanile è più importante dell'orologio e delle case?

sempre io!

Rispondi/Commenta

Risposta di Antonio - 12-06-2009
Ciao Simonetta, non mi è arrivata nessuna foto!!!

12-06-2009 - "scattata oggi" correggo il precedente messaggio.. In ultimo, per il campanile è più importante dell'orologio e delle case?

Simonetta

Rispondi/Commenta

12-06-2009 - Mi chiedo perchè non si metta in sicurezza Assergi centro storico, dobbiamo aspettare che crolli tutto? Sono stata ieri dentro, le continue scosse e la mancanza di intervento stanno peggiorando la situazione, le crepe si stanno allargando dentro e fuori le case..si può vedere ad occhio nudo. Pertanto invito tutti a guardare le crepe dell'orologio vsibili anche da "nifrati". Antonio ti invio due foto.. subito dopo il terremoto del 6 aprile e una scattata e ti chiedo cortesemente di metterle nel sito..grazie

Simonetta

Rispondi/Commenta

Risposta di Antonio - 18-06-2009
Ciao Simonetta, le tue foto del campanile, sono nella Fotogallery del Blog http://assergiracconta.altervista.org/fotogallery.php?page=1&fotogallery=Campanile%20in%20Sicurezza

12-06-2009 - dobbiamo pagare l'ICI? ma se ancoranon sappiamo se la casa è agibile o meno come facciamo a pagarla? quando è previsto la messa in sicurezza del paese? quando faranno le verifiche di agibilità? come facciamo per saperlo? Siamo nel caos più assoluto. Lasciati in balia di noi stessi. Sempre l'incazzato

anonimo

Rispondi/Commenta

12-06-2009 - Come è noto i termini di scadenza per il pagamento dell'ICI si stanno avvicinando.Oggi finalmente sono riuscito a parlare con la Direzione generale del Comune de l'Aquila.Mi è stato detto che chi ha la casa agibile,anche se all'interno di Zona Rossa,deve pagare l'ICI.Questo naturalmente vale sia per chi è non residente sia per chi pur essendo residente ha altri immobili agibili, soggetti al pagamento dell'ICI, nel paese. Per chi fosse interessato mi è stato riferito che sia le aliquote che il conto corrente su cui effettuare il versamento sono rimasti invariati rispetto all'anno passato.

Mauro - Vico della Chiesa

Rispondi/Commenta

12-06-2009 - NONOSTANTE LE PROMESSE FATTE, CHI SE LA PRENDE NEL DEDIETRO, SONO QUELLE PERSONE CHE CON IL LORO APPORTO HANNO FATTO RINASCERE IL PAESE, E CON I PROPRI SOLDI HANNO RISTRUTTURATO LE CASE, E NONOSTANTE LE PROMESSE FATTE DAL BERLUSCA SONO LASCIATI AL LORO DESTINO. PERO' IL BERLUSCA SI VANTA DI ESSERE IL PRIMO PARTITO ANCHE IN ABRUZZO, E NONOSTANTE LE BUGIE CONTINUE CHE CI RIFILA, C'E' ANCORA CHI LO VOTA. SONO DACCORDO CON CIFONE, SE FOSSE SUCCESSO IN ALTA ITALIA, LA LEGA SI SAREBBE PREOCCUPATA DI FAR RINASCERE TUTTI I CENTRI, MA NOI SIAMO TERRONI. ITALIANI DI SERIE B. MA I RAPPRESENTANTI DEI COMUNI DOVE SONO? PERCHE' NON SI FANNO SENTIRE? SONO VERAMENTE INCAZZATO!

anonimo

Rispondi/Commenta

Risposta di ALBERTO - 12-06-2009
HAI PROPRIO RAGGIONE AD ESSERE INCAZZATO E NON SEI IL SOLO, C'E' UNA RETE DI ROMANI CHE SI TIENE IN CONTATTO E DICONO TUTTI LA STESSA COSA , SENZA IL CONTRIBUTO PER LE SECONDE CASE IL PEESE SARA' SOLO UN BEL RICORDO!!! COMUNQUE CONTINUATE A VOTARE QUEL CIARLATANO DELLO PSICONANO. COMUNQUE CERCHIAMO TUTTI IN SIEME DI FARE QUALCOSA PER ASSERGI CIAO

Risposta di - 13-06-2009
Magari prima di dare dello psiconano...impariamo a scrivere ragione e non RAGGIONE!

12-06-2009 - La fregatura è servita! Ieri, giovedì 11 giugno, dopo l’audizione degli amministratori abruzzesi, la commissione ambiente della Camera ha deciso di non apportare modifiche al Decreto Abruzzo approvato dal Senato il 21 maggio; la VII Commissione è presieduta dal leghista Angelo Alessandri!!!!! Per i correttivi chiesti, a cominciare dai rimborsi per ricostruire le seconde case, «mancano altre coperture finanziarie». Erano cinque quelli “irrinunciabili” secondo gli amministratori locali tra i quali il rimborso totale per la ricostruzione di tutte le abitazioni, comprese le seconde case nei centri storici. Il Decreto prevede, quindi, benefici per cittadini e imprese nei 49 comuni del «cratere», contributi a fondo perduto del 100% per la prima casa dei residenti, contributi integrali per la ristrutturazione della prima casa, fondi per le micro-ristrutturazioni (massimo 10mila euro), finanziamento di 750 milioni per la costruzione delle casette antisismiche. Il tutto nonostante il premier Berlusconi, durante la sua tredicesima visita a L’Aquila, aveva preso impegni precisi, dicendo sì al rimborso totale per ricostruire anche le seconde case dei centri storici. E’ interessante, molto interessante, la dichiarazione del capo della Protezione Civile, Bertolaso, che prima dell’audizione ha presentato una relazione di 39 pagine alla commissione ambiente, spiegando che eventuali correttivi possono essere apportati da specifiche ordinanze. «Il testo uscito dal Senato permette di fare tutte le attività promesse e previste», ha aggiunto. E sulle proteste: «Sono legittime, ma ognuno deve fare il proprio dovere ed essere molto rigoroso per evitare i giochetti del passato». Un commento! A questo punto, secondo me, si aprono due “scenari”: 1- rimane tutto così com’è stato legiferato, si torna indietro di un mese e mezzo, si decreta la “morte” dei centri storici, anche della città di L’Aquila, alla faccia dei residenti che non capiscono che senza i non residenti non potrà esserci futuro; senza considerare la fregatura presa anche dai residenti stessi i quali vedranno rimborsati i danni della loro sola prima abitazione e le vecchie case dei paesi? E le stalle? E le altre attività? Sembra, purtroppo, il “mal comune mezzo gaudio”! Ci ritroveremo PAESI FANTASMA con qualche abitazione risistemata in mezzo a numerosissime case vuote, dirute ed abbandonate! Bella prospettiva! E senza contare i “casini” nei quali si ritroveranno coloro che hanno parti di edifici in comune, chiamiamoli pure “condominiali”, tetti, scale, mura portanti ecc… O, peggio ancora, coloro che vorrebbero ristrutturare ma devono aspettare i lavori del vicino per avere l’agibilità! 2- si apre uno scenario “politico”; seguiamo infatti quanto sopra riportato: un presidente leghista (Alessandri) smentisce quello che il premier Berlusconi ha sbandierato ai quattro venti per giorni e giorni ovvero la promessa dei finanziamenti anche per le seconde case; a me suona strano perché o Berlusconi è solo un cantastorie o la Lega fa il solito gioco al rialzo per ottenere qualcosa a suo vantaggio da qualche altra parte (forse al nord?!?!?!); mi sorge il dubbio che se il MOSTRO avesse colpito a Varese per es., probabilmente sto leghista di Alessandri avrebbe decretato a favore anche delle seconde case! Oppure, come detto da Bertolaso, quando parla dei giochetti del passato, si supera il contenuto del decreto attraverso le ordinanze della Protezione ovvero il decreto nega la ricostruzione delle seconde case ma la Protezione Civile, mediante le sue ordinanze, ristabilisce il diritto alla ricostruzione anche per le seconde case!!! E se questi non sono “giochini”!!!! Auspico un incontro tra non residenti, a breve, per “contarci”, per un confronto e per decidere circa un’azione comune. Cifone

sante - cifone

Rispondi/Commenta

Risposta di Paola Martino - 12-06-2009
Egregio Sig. Cifone, mi chiamo Paola Martino e sono già intervenuta come "I ROMANI DEL CENTRO STORICO" pochi giorni dopo il terremoto per esprimere la mia preoccupazione sul destino del centro storico di Assergi dove c'è la mia amata seconda casa. La prego di contattarmi e comunicarmi qualsiasi Intervento ed incontro per poter fare in modo che il "nostro centro storico" non muoia per l'indifferenza e l'insensibilità di chi non lo ama. Il mio recapito Cell. 333.294944 Grazie, saluti. Paola Martino

12-06-2009 - Ho visitato il paese, e mi è stato riferito che nel centro storico è stata tolta l'illuminazione. Così il paese risulta veramente MORTO e alla mercè di chiunque. Si può constatare se è vero? Se si, si può far riattivare? Avendo una abitazione all'interno del centro storico sono preoccupato di ciò che puo accadere. Certo di un tuo interessamento, ti ringrazio anticipatamente. Giancarlo

anonimo

Rispondi/Commenta

10-06-2009 - Ciao, sono ormai 6 giorni che ho lasciato questo splendido paese e quelle meravigliose famiglie che lo abitano, ho passato con VOI tutti un periodo veramente magico carico di emozioni, fatti di serenità e gioia, l'incontrare ogni mattina i visi sorridenti e a volte un pò assonnati di chi iniziava una nuova giornata lavorativa, e continuare in serena armonia la giornata. Grazie di cuore a tutti quanti a chi ha reso la vita al campo vivibile e gioiosa. Un abbraccio a tutti quanti.

Giacomo

Rispondi/Commenta

Risposta di Luigi - 11-06-2009
Ciao Giacomo, tanti saluti da tutto il campo e cerca di tornare perchè la colomba sta finendo......... Saluti Luigi

10-06-2009 - Cari assergesi, saluti a tutti, con tanta tristezza veniamo a sapere della decisione del parroco di Assergi di non celebrare la Santa Messa nella tendopoli. Ma il Santo Padre quando cammina ovunque nel mondo, non sempre celebra la Messa dentro una chiesa, delle volte e molte volte ha celebrato la Santa Messa anche sotto le stelle, basta avere fede!!!La Messa si puo' celebrare dovunque...!Almeno cosi' la penso io.

Franca (Australia)

Rispondi/Commenta

08-06-2009 - Sono Luca, volevo precisare che non ho mai portato San Franco, lui non spetta a noi ragazzini....!!! eh eh eh Qui non ci sono nè paladini nè orchi, che discorso medievaleggiante.... nessuno vuole fare il cavaliere senza macchia. Ho fatto una petizione, gente che la pensa come me l'ha firmata, l'ho spedita giorni addietro, tutto qui. Abbiamo fatto sentire l'opinione di chi non si era potuto esprimere liberamente all'assemblea, che male c'è?! Questo è quanto. Tutto legale, tutto autorizzato, tutto in piena democrazia. C'è gente che il 6 luglio ha perso moltissimo, Gabriela ha ragione, niente guerra tra poveri. Un pò di silenzio farebbe bene.

Luca Pezzuto

Rispondi/Commenta

08-06-2009 - Grazie Aldo, anche se parziale la tua informazione mi è stata comunque utile

Mauro - Vico della Chiesa

Rispondi/Commenta

08-06-2009 - E' una tristezza assistere a questa guerra fra poveri. Assergi siamo stati molto fortunati e forse non tutti se ne rendono conto. Io non so più quale sia il sito migliore per queste abitazioni ma da qualche parte si devono fare c'è tanta gente che ha perso la casa (e tra queste ci sono anche io) non è un problema solo del centro storico di Assergi, ma pensiamo anche a chi oltre alla casa ha perso persone care. Riflettiamoci prima di alzare i toni.

Gabriela

Rispondi/Commenta

08-06-2009 - Quindi ora dovremmo far passare questo Luca Pezzuto, che nella sua “decennale” permanenza ad Assergi, ha portato persino S. Franco sulle spalle, come un Paladino, e Vittorio (padre di famiglia che a quanto mi risulta non ha mai torto un capello a nessuno) come l’Orco cattivo che molesta la povera gente? Ma vi rendete conto della situazione? Già è difficile ingoiare il rospo di vedersi sottrarre all’improvviso un bene da pare delle Istituzioni, rinunciare alle proprie aspettative, vedere svanire gli sforzi pregressi, profusi per acquistare e mantenere attiva quella proprietà (parliamo di oltre 20.000 mq e non un semplice orticello), che ti passa sotto il naso un perfetto sconosciuto, per chiederti se vuoi firmare una petizione affinché tu avvalli tale scelta? (sopra lo cotto l’acqua bullita!) Una scelta talmente insensata, che a fronte di 20 famiglie residenti, aventi (probabilmente perché non è nemmeno sicuro, visto che in giro che molto di peggio) diritto alle nuove abitazioni, porterà con se migliaia di metri cubi di cemento per edificare oltre 100 appartamenti bastanti per 350 persone delle quali il 95% provenienti da altre zone (la famosa prossimità…). Un new village del quale si poteva benissimo fare a meno, del quale ho seri dubbi sulla sua integrazione sia architettonica che civica con il paese. Si poteva benissimo requisire, per il tempo necessario alla ricostruzione, quella cattedrale nel deserto, quell’obrobrio edificato ma mai abitato, che si trova di fronte ai laboratori del Gran Sasso, che tra le sue 80 camere e suite poteva benissimo ospitare 20 famiglie. Ritengo pertanto, che in questa penosa situazione, non ci siano né Paladini senza macchia e senza paura, né Energumeni che si divertono ad insultare e minacciare il prossimo, bisognerebbe quindi riconoscere i propri limiti e fare ammenda ogni tanto sul proprio comportamento, evitando di gettare benzina sul fuoco, e cercando al contempo di salvaguardare sia i propri che gli altrui diritti.

Francesco Ippoliti

Rispondi/Commenta

08-06-2009 - La mattina del 4 giugno sono passata al campo di Assergi e ho assistito a una scena davvero poco felice. Davanti all'entrata ho incontrato Luca Pezzuto che mi ha informato della sua iniziativa riguardo la petizione ma proprio mentre io stavo firmando, un paesano si è avvicinato aggredendo verbalmente e minacciando il povero Luca. Io non scrivo qui per dare giudizi, in quanto ritengo che ogni opinione sia degna di nota, ma non credo che il ricorso alle mani sia il modo migliore per risolvere i problemi. Oggi più che mai noi Assergesi dobbiamo rimanere uniti e risolvere insieme, in democrazia, i problemi che il terremoto ci ha creato.

Sara G.

Rispondi/Commenta

08-06-2009 - risposta parziale a Mauro vai sul sito http://www.edilportale.com/news/2009/04/normativa/abruzzo-niente-ici-per-le-case-distrutte-o-inagibili_14900_15.html

Aldo

Rispondi/Commenta

06-06-2009 - Nel giorno della Festa di San Franco ho pensato a tutti voi del Campo e vi saluto con sincero affetto e simpatia, anche se ho appreso con vivo dispiacere del furto di reliquie. In merito a questi deprecabili crimini, segnalo a tutti gli amici Assergesi che sul sito istituzionale dei Carabinieri è disponibile una scheda cartacea da stampare e compilare con tutti i dati dei beni culturali pubblici e privati (statue, mobili, quadri, arredi sacri, gioielli, ecc.) da corredare anche con fotografie, il cui scopo è facilitare le indagini e il ritrovamento dei beni in caso di furto o smarrimento. Link al "Documento dell'opera d'arte": http://www.carabinieri.it/Internet/ImageStore/cittadino/consigli/tematici/Object-ID.pdf Un abbraccio!

Gigliola (Inf. Vol. CRI - Geno

Rispondi/Commenta

06-06-2009 - Stim.mo Comitato, prima di corrispondere la mia offerta, la prego di farmi conoscere i criteri in base ai quali stabilirete chi sia più bisognoso e chi meno dato che ci sono 20/25 famiglie del centro storico la cui casa é stata dichiarata inagibile. Come deciderete quindi chi sarà più meritevole ed in che percentuale?I soldi che avrete raccolto anche se non raggiungeranno il budget previsto come saranno utilizzati? Grazie! Francesca Della Torre (RM)

Francesca Della Torre

Rispondi/Commenta

06-06-2009 - Il 16 giugno scadono i termini per il versamento dell'ICI.Il sito istituzionale del comune de l'Aquila non è aggiornato al riguardo.C'è qualcuno che sa se esiste qualche delibera riguardo ad una eventuale sospensione del pagamento per le case dichiarate inagibili a seguito del terremoto od eventualmente dove sono ubicati in questa fase gli uffici comunali ? Esiste un nuovo numero telefonico per il comune ? Ringrazio chiunque possa fornirmi qualche notizia utile.

Mauro - Via della chiesa

Rispondi/Commenta

06-06-2009 - Ciao sono Isabella, l'infermiera volontaria della CRI di Torino, mi dispiace molto che vi abbiano trafugato le Reliquie di San Franco, certo che c'è gente che non si ferma neanche di fronte al sacro ed a che pro? Voglio augurarvi che il vostro Santo Patrono oltre ad aiutarvi in questo periodo vi rifaccia ritrovare ciò che vi è stato tolto. Un caro abbraccio a tutti.

[email protected]

Rispondi/Commenta

06-06-2009 - Ciao Simonetta, il comitato è composto da: Renzo-Lina di Clemente-Marinello-Luigino con la mia collaborazione per il Blog. Per quanto riguarda i criteri di selezione per la destinazione del ricavato, non sono stati ancora decisi. Dipende dalle offerte che saranno pervenute.

Antonio

Rispondi/Commenta

06-06-2009 - Buon S. Franco a tutti - saluti da Sydney. I am coming back for a few days in early October and am so anxious to see my family and friends - thinking of all of you each and every day.

Assunta e famiglia

Rispondi/Commenta

Risposta di angela maria giampaoli - 16-06-2009
Hi Assunta It's me Angela Maria Giampaoli. Can you send me your email address to my email address at [email protected] We may have a problem with the room at the hotel. At the moment the hotel has been taken over by the Protezione Civile which is looking after the eartquake and also the G8 in July, we don't know how long they will be in the area and rooms can only be given out if none of them show up. We will know more towards the time because we don't know how long this situation will be for. I didn't realise it included up until October. If you give me your email address I can keep in touch and keep you informed. Big hug and kiss

05-06-2009 - Buon S.Franco a tutti....!!!!Un bacione!!!!A presto! Per il comitato del 2006....: _semo ji meglio.....!!!! Un bacione a Clemente(di Lina)!

Monica de Franchino

Rispondi/Commenta

05-06-2009 - Sono venuta a conoscenza, attraverso questo blog, di una bellissima iniziativa, ovvero la costituzione di un Comitato "Insieme per Assergi", il cui scopo è raccogliere fondi per aiutare i più bisognosi e riqualificare il paese. Mi piacerebbe conoscerne il numero dei membri e i nominativi, nonchè i criteri di selezione, considerando che tali persone "decideranno" la destinazione del ricavato. Mi auguro vivamente che tra i partecipanti ci siano persone residenti e dimoranti nel centro storico del paese. Grazie

Simonetta Nardoni

Rispondi/Commenta

04-06-2009 - Invio a tutti voi nel campo e tutti gli Assergesi sparsi ovunque un augurio per domani 5 giugno festa del nostro protettore San Franco. Essendo il 5 giugno anche il compleanno della mia carissima mamma, un giorno particolarmente importante sul mio calendario, un forte abbraccio a tutti, con affetto da una Assergese doc. Sperando che San Franco vi porti tutta la protezione meritata e per un futuro ricco di soddisfazioni specialmente per la ricostruzione per il nostro amato paese e per l'Aquila. Affetto

Franca (Australia)

Rispondi/Commenta

04-06-2009 - Ciao Luca sono Maurizio della "Bottega". Non avendo un tuo recapito, ti chiedo se puoi chiamarmi appena possibile 347 4804249.

Maurizio

Rispondi/Commenta

04-06-2009 - Ciao Luca, scusa se te lo dico ma non ti devi giustificare per proporre una petizione che molti " concittadini" condividono. Chi non ha interesse a firmarla perché proprietaria di un terreno ai "parioli" e, quindi, per ragioni patrimoniali non interessata a sottoscriverla, non la firmi! la petizione é volontaria ma le minacce sono perseguibili. Ti assicuro che il tuo agire é pienamente lecito e legittimo. Lo é anche quello dei proprietari terrieri che difendono la roba come Mazzarò e che possono astenersi dalla sottoscrizione ma civilmente!!! Te lo scrive uno che ha fatto gli esami alla corte d'Appello de L'Aquila. Nicolò Franco

Nicolò Franco

Rispondi/Commenta

04-06-2009 - Caro Luca non sei un "figliarello", ce ne stessero come te! Ti sto conoscendo in questa occasione e mi fa piacere scoprirti un giovane consapevole di cosa succede, informato e che lotta per quello in cui crede. Ti ammiro perchè hai il coraggio di esporti e cerchi di unire le persone che hanno un interesse comune e so perfettamente che in questo paese non è tanto facile, Continua così..

Simonetta

Rispondi/Commenta

04-06-2009 - Caro Sante sono Luca, Ti chiedo scusa se anche solo per un momento hai potuto pensare che fosse riferito a te, ognuno può avere la propria opinione in merito, per fortuna siamo in democrazia! Per me chi è solidale con noi ha senso civico, ed è una mia opinione (convieni che posso avere un'opinione del genere). Però per me tu hai senso civico come loro (né più né meno) perchè sei interessato a far recuperare il centro storico, qualunque sia l'opinone su dove fare le casette. ASSERGI RACCONTA: Per me chi non ha senso civico sono le persone come VITTORIO che oggi mentre mi firmavano la petizione ha cominciato ad inveire contro di me a minacciarmi "io finisco in galera, se fai mette le firme e fanno le casette al fiume faccio una pazzia, devi sta attento!!! sei ancora sporco di latte e vuoi sape meglio di NOI D'ASSERGI cosa è meglio per gli altri. Sei di fuori non sei dei nostri fatti i c.... tuoi etc. etc. hanno firmato tutti figliarelli e vecchi che hai raggirato..." Non capivo la foga del personaggio, poi ho scoperto che perderà un terreno e me lo sono spiegato. Io, come gli altri, si sta facendo un'operazione in piena democrazia senza dare fastidio a nessuno stiamo esprimendo la nostra opinione in merito come chi lo ha fatto spedendo la lettera dopo "l'assemblea". Chiedo a tutti, che male c'è? Caro Vittorio io non sono di Assergi? perchè? io vivo qui da quando ho otto anni, nel centro storico partecipo alle manifestazioni paesane da quando sono bimbo ho giocato a pallone alla cogefar ho fatto a botte per i vicoli ho rubato le marrocchie ho giocato ai giardini del convento vado tutti i giorni a Franchino mi ubriaco alle arrostate al vasto ogni tredici agosto parto a piedi da Assergi e vengo all'Acqua San Franco capendo cosa vuol dire bere dell'acqua Sacra Lavoro per il Parco al punto informativo e promuovo il paese come posso Faccio la guida Turistica e portavo (e continuero a portare la gente) a vedere la nostra bellissima chiesa faccio parte del comitato feste, porto ju santo alla festa Sono laureato in storia dell'arte e studio da anni le vicende del paese con lo scopo di valorizzare il posto tutti i miei amici sono a pochi metri da casa, etc. etc. etc. Perchè non sarei del paese di grazia? per me queste persone sono prive di senso civico, invece di offendermi perchè c'è in ballo la tua terra esprimi un'opinione come me, come Simonetta, come Maurizio come Sante, non per forza la mia opinione, non mi interessa. Vuoi firmare il mio foglio? firmalo, non vuoi? amici come prima ma non minacciarmi, non mettermi paura, perchè avro 25 anni ma non mi metto paura come un figliarello.

Luca Pezzuto

Rispondi/Commenta

04-06-2009 - Ciao Luca Pizzuto, ti prego di aggiungere anche il mio nominativo alla tua petizione perché, anche se non sono presente fisicamente ad Assergi in questo momento per poter appoggiare la tua proposta, condivido pienamente il tuo pensiero e ti ringrazio molto per aver esternato anche il mio volere. Maurizio Cialfi

Maurizio Cialfi

Rispondi/Commenta

04-06-2009 - Sono felice che qualcuno mi abbia preceduto, ieri avevo scritto questa lettera e la lascio così com’era. Ciao Luca, sono Simonetta Nardoni e volevo esprimere la mia solidarietà nei confronti di coloro che, come la tua famiglia, hanno scelto di vivere nel centro storico di Assergi, pur non essendo originari, nei confronti di chi possiede una casa in questo meraviglioso paesello, investendo nella prima, nella seconda o nella terza casa, nella quale magari trascorrere la propria “vecchiaia”. Assergi centro storico è il “mio paese”, rappresenta tutta la mia infanzia e adolescenza; nei vicoletti ho i più bei ricordi della mia vita e, anche per questo, ho deciso di tornarci a vivere, in Via Arco Congeduto n. 5, (mamma mia come suona bene!). Nella mia “casetta” ho investito tra l’altro i miei ultimi risparmi, orgogliosa di tornare nella casa in cui è mio padre è nato e vissuto. Il 1° maggio avrei festeggiato un anno ed avrei anche realizzato qualche mio desiderio. Ciò non è stato possibile. Sto vivendo la realtà del campo, dove ci sono tante persone che stanno aiutando e che desidero ringraziare pubblicamente: rappresentanti della Croce Rossa e dell’Esercito Italiano, volontari che supportano i bambini e gli anziani e in ultimo, ma non per questo meno importanti, le persone di Assergi che danno una grossa mano in cucina, come Antonella Paola e Tonino, che ammiro per diversi motivi. Nel campo la maggior parte delle persone non comprende il dolore e il disagio di chi purtroppo non può tornare nella propria casa, anzi, mi correggo, di chi ci può tornare, ma solo accompagnato dai Vigili del Fuoco (persone umane e coraggiose, veramente eccezionali) e solo per recuperare le proprie cose; lo scopo naturalmente è cercare di salvare il salvabile, per paura di scosse forti, che possano causare altri crolli. La “rabbia” che si prova è per tanti motivi, ma anche perché nessuno può entrare liberamente all’interno delle mura, perché giustamente vietato e si rischia anche la multa! Se non vivessi tale situazione, probabilmente non capirei neanch’io! Mi sono posta tante domande per la sistemazione delle casette e sinceramente non so darmi una risposta, anche perché bisogna capire quale sia il “miglior punto di vista, ma ognuno ha il suo, noo? Premetto che se il sito fosse quello indicato nel Decreto, si esproprierà un terreno ereditato da mio padre, ma non per questo mi sono fatta condizionare, anche perché ne sarei felice e orgogliosa, perchè sarebbe utilizzato per una giustissima causa. Se penso alla possibilità di sviluppo della zona, credo la soluzione dell’ex cogefar sia la migliore, se penso invece a chi viveva nel centro storico, soprattutto alle persone anziane è, sicuramente, migliore la soluzione che suggerisce Luca. Ciò che vorrei si realizzasse al più presto, è di tornare a vivere a “casetta mia ”. Per quanto sopra detto, chiedo a tutti gli “assergesi” la massima solidarietà e il giusto sostegno per far rivivere il centro storico di Assergi, per aiutare chi ci viveva e chi, come dice Luca, non lo ha fatto morire in questi ultimi anni. Chiedo soprattutto, a chi ci rappresenta, di ascoltare con attenzione chi in questo momento sta soffrendo, di raccoglierne le richieste e le proposte e soprattutto di “lottare” a gran voce per far ciò che in tanti anni non è stato mai fatto, nei confronti di un Comune oggi sofferente, ma che non ha saputo o voluto mai valorizzare questa zona, dimenticandone la sua bellezza e importanza. Chiedo ai politici locali, tutti, di interloquire seriamente con le Istituzioni, manifestando il malcontento degli abitanti e soprattutto ricordando che Assergi non è la parte nuova, ma la parte vecchia del paese, unica ed esclusiva. Se un paese come Santo Stefano di Sessanio deve essere preservato, lo deve essere anche Assergi, perché non ha niente da invidiare, anzi! In ultimo, permettetemi di affermare che, le case nuove sono belle, luminose e sicure, con tante comodità, ma sono prive di storia, di ricordi e di calore, soprattutto ...certe emozioni si possono vivere solo nelle piazzette, nelle stradine e nelle casette irregolari, scomode ma belle da morire!

Simonetta Nardoni

Rispondi/Commenta

03-06-2009 - scusa luca ma se sono in disaccordo con te, vuol dire che non sono solidale e non ho senso civico? continuo a dirlo! ma siamo sicuri che il centro storico rivivrà? ci vogliamo fidare di tutte le chiacchiere politiche? siamo d'accordo che senza centro storico Assergi è FINITO? allora non ci dividiamo su dove gettare il cemento, uniamoci in una sola voce per avere certezze sul metodo ovvero come, quando e quanto un abbraccio sante

cifone

Rispondi/Commenta

03-06-2009 - Caro Antonio solo una precisazione: la lettera spedita non è frutto della volontà di Luca Pezzuto come singolo individuo, bensì di quasi tutti gli abitanti, residenti, del centro storico con la casa inagibile (che hanno firmato la lettera, o hanno confermato la loro adesione all'iniziativa) inoltre a sostegno di questa iniziativa sono state aggiunte molte firme di compaesani con la casa agibile che hanno dimostrato solidarietà e senso civico nei nostri confronti Grazie Luca Pezzuto

Luca

Rispondi/Commenta

03-06-2009 - Personalmente sono favorevole ai "moduli abitativi" sulle casette co.ge.far. perchè eviterebbbero un'altra cubatura sul territorio in quanto la realizzazione dei "moduli" in altra posizione non eviterebbe che la cubatura esistente alle "casette" non verrebbe reuperata successivamente e, considerando la realizzazione delle casette in legno che si trasformeranno in definitive (come è facile prevedere), il territorio sarebbe invaso da centinaia di migliaia di metri cubi di cemento; perchè nella zona delle "casette" esiste già strada e fognatura; perchè verrebbe, finalmente, bonificata una zona altamente degradata, perchè darebbe una continuità abitativa tra Assergi e la Villetta senza condensare troppo le abitazioni ad Assergi; perchè sarebbe la soluzione ideale per una "pace sociale" che ha visto nelle "casette" un forte motivo del contendere tra fazioni. Ma il vero problema non è dove realizzare i "moduli", le "casette cogefar" non devono essere motivo di diatriba interna, il vero problema è il recupero del centro storico; che senso ha realizzare i "moduli" intorno ad un centro "fantasma"? Questo è il vero problema! Le modalità di recupero! Conoscere i tempi, le tecniche, i rimborsi, i finanziamenti, chi si assume l'onere della ricostruzione, la differenza tra "prima casa" e "seconda o terza casa", residente e non residente, quanto è la consistenza degli aiuti e per quanto tempo, come demolire, a chi demolire, chi paga la demolizione, come intervenire, nei lavori comuni, tra residenti e non residenti, ecc... sante

cifone

Rispondi/Commenta

03-06-2009 - Il nuovo aspetto del sito è molto bello. Spero potrà migliorare sempre di più!!!

anonimo

Rispondi/Commenta

02-06-2009 - Ciao Gigliola, ti ringrazio per l'apprezzamento, l'idea del Blog mi è venuta sapendo quanto sia importante per i nostri connazionali che vivono all'estero mantenere vivo un legame con il paese d'origine e soprattutto poter vedere foto e filmati del paese. A presto

Antonio Giampaoli

Rispondi/Commenta

02-06-2009 - Ciao Antonio, i complimenti che ricevi per il blog di "Assergi Racconta" sono più che meritati! Non solo è tecnicamente e graficamente ben realizzato, ma ha una tale ricchezza di contenuti (anche ben prima di questi ultimi mesi). Si vede che è fatto con passione e sentimento e penso sia davvero un gradito ed utile punto di riferimento per la vostra comunità, coi suoi legami di affetti nel mondo. Perfino per "noi" di fuori, è così bello e importante potervi leggere e restare uniti nel pensiero. Grazie!

Gigliola (Inf. Vol. CRI)

Rispondi/Commenta

02-06-2009 - Cari tutti sono sempre Luca Pezzuto, non vorrei occupare troppo spazio qui, ma mi trovo a citare una parte fondamentale del decreto legge che dice così in merito ai terreni da espropriare: "Per la loro individuazione, è stato considerato il lavoro preparatorio di un gruppo di tecnici della struttura commissariale e del Comune che ha valutato: - la prossimità delle aree ai luoghi di provenienza delle persone la cui abitazione principale è stata distrutta dal terremoto del 6 aprile 2009 o sgomberata per effetto di provvedimenti dell’autorità sindacale; " E concludo dicendo che probabilmente una zona come la cogefar a più di mille metri d'altezza, con l'amianto da bonificare che è permeato probabilmente anche nelle falde e che rende la zona inabitabile a tutti gli effetti non è propriamente un luogo ideale, prossimo alle nostre abitazioni perdute e nemmeno integrabile con la nostra comunità, ma si avvicina maggiormente ad un centro di prima accoglienza. Comunque avendo il decreto già individuato negli allegati le particelle da espropriare non capisco dove si voglia andare parare, considerato che per cambiare quanto previsto dal decreto è necessaria una iniziativa legislativa di uguale portata. Un'assemblea che vede partecipe solo una parte della popolazione e che non vede esprimere il parere di chi ha perso l'abitazione non può portare alla formulazione di un nuovo decreto legge. Come privato cittadino, ma credo di parlare anche a nome di altre persone, gradirei che prima di fare richieste sconsiderate a livello comunale si organizzi quantomeno un ulteriore riunione, ma la si organizzi bene, assicurando la partecipazione di tutta la popolazione "assergitta", non di una parte sola (tra l'altro la meno lesa). Grazie a tutti e mi scuso per rubarvi tempo prezioso

Luca Pezzuto

Rispondi/Commenta

02-06-2009 - Apprezzo chi sa riconoscere i propri errori, e anche se ritengo quanto scritto una cosa estremamente grave, il fatto di ammettere di aver esagerato è una buon inizio. Cari tutti Mi si permetta ora di dire però qualcosa in merito alla scelta del sito per la costruzione delle casette. Un'opinione pacifica, ma interessata visto che faccio parte di una delle venti (circa) famiglie di Assergi che le andrà ad abitare. Assergi è una comunità, un paese (io vivo qui dall'età di otto anni) e non voglio credere al detto "Assergi antico passa cent'anni e non ti fai un amico"... Se di una comunità sono solo venti famiglie ad aver perso la casa, questo non vuol dire che tali famiglie debbano essere isolate in un luogo alienante e lontano km dalla propria comunità, circondati da sconosciuti. Questo è un momento di grave difficoltà per tutti, non solo per chi ha perso la casa, i propri cari ma anche per chi ha avuto la fortuna (e dico fortuna perchè non penso che la gente voglia speculare sulle case per risparmiare e rimanga inghiottito tra le macerie volontariamente, visto che io, ad esempio, avevo una casa ristrutturata con tutti i crismi ma poi quelle che appoggiavano sulla mia hanno fatto leva quindi...) comunque quello che voglio dire e che una tragedia non è un'occasione utile al paese per bonificare l'amianto, per risparmiarci l'espropriazione di terreni e guadagnare un futuro villaggio turistico. Questa deve essere un'occasione per mostrare il proprio senso civico la propria umanità e la voglia di essere solidali con i membri della comunità stessa. Se voi perdete i terreni, mi spiace moltissimo (ma sarebbero terreni agricoli che comunque vi vengono pagati dallo stato) ma in questa occasione pensate pure ai nostri sacrifici di una vita a chi per rimanere ad Assergi ha dato il proprio cuore ed i propri soldi, noi non abbiamo perso terreni agricoli, ma la nostra casa. Che colpa abbiamo? quella di essere alcuni degli ultimi abitanti del centro storico? (quelli che il centro storico lo tenevano ancora vivo persino di inverno) Bonificare l'amianto è buona cosa, ma non bisogna usare la scusa del terremoto per provvedere a questo bisogno, no ci si doveva pensare da prima ed ora pensarci dopo. Questo significherebbe usare la mia (come degli altri) disgrazia per degli scopi che esulano dalla solidarietà e dall'aiuto che io come gli altri merito. Vorrei avere la gente vicina, vorrei che persone anziane che non vedono l'ora di tornare nel proprio paese non finiscano a morire alla cogefar, isolati dalle proprie radici. Vorrei che Norma, Pino ed Onofrio e così via (nomi esclusivamente esemplificativi) tornino a camminare quotidianamente vicino a noi, a fare la spesa alla bottega senza dover prendere per forza un bus come dei deportati. vorrei che la gente si mettesse la mano sul cuore e capisse cosa sto provando a dire e vorrei anche che chi non è interessato direttamente (ovvero non ha perso la casa o non ha territori espropriabili) facesse sentire ad alta voce cosa pensa. e poi fare un'assemblea così importante mettendo un semplice avviso fuori dal campo non è corretto, credo che almeno tutti coloro che hanno perso l'abitazione dovevano essere avvertiti telefonicamente e a me nessuno ha detto niente. Mi si può rispondere che potevamo stare al campo invece di fuggire via. Vi rispondo io, ora mi sono messo all'orto che possiedo con la tenda e sono qui tornato nel mio paese. ma prima non sono rimasto perchè mi sono svegliato e mi è cascato il solaio sul letto (non sono l'unico) i miei scossi a morte non sapevano come comportarsi e si è rimasti allibiti da quanto successo, così ci siamop allontanati da mio fratello per un pò in cerca di serenità. come me Giorgio, Roberto, Norma e gli altri... Come facevamo a sapere dell'assemblea, prima di parlare al comune non sarebbe stato più giusto considerare noi, che le casette, ahimè le dovremo abitare?! é proprio vero il detto Assergi antico cent'anni e non ti fai un amico??!! no... non ci credo, o almeno non voglio crederci. Luca Pezzuto

Luca

Rispondi/Commenta

01-06-2009 - Le sembrerà strano, Dr. Pezzuto, ma Le do ragione. Le circostanze nelle quali ho scritto quel messaggio erano di alterazione e non propriamente per i fatti prettamente oggetto della questione. Mi aspettavo una reazione del genere in quanto si prestava a giuste critiche visto il modo con le quali sono state espresse. Avevo avuto contatti informali con alcune persone,che mi avevano fatto intendere alcune considerazioni utilitaristiche che nulla avevano a che vedere con la povera gente che ha perso tutto, ed ho tratto delle conclusioni che, a mente fredda sono risultate errate e quantomeno eccessive. La difesa del proprio orticello lascia il posto alla solidarietà come in questi casi, il sentore di speculazioni in essere aveva alterato il mio modo di affrontare la situazione. Mi scuso pertanto per la mia apparente "cinicità", ma è solo frutto di un momento delicato, che non rispecchia il mio modo di essere.

Francesco Ippoliti

Rispondi/Commenta

01-06-2009 - Ciao Antonio, scrivo a te perchè non voglio entrare in polemiche assurde e senza alcun costrutto, in un periodo di lutto e costernazione dove circa 400 nostri concittadini hanno perso la vita nel tremendo sisma del 6 aprile. Tuttavia ho letto quest'oggi un messaggio in bacheca e sono rimasto davvero allibito. Parlo sul serio dicendo che non pensavo esistesse gente talmente priva di senso civico ed umanità, ma evidentemente un mio "compaesano" di cui non conosco nemmeno l'esistenza ha tutte le caratteristiche del caso. Mi riferisco a tale Francesco Ippoliti che cito testualmente scrive, il 17/05/2009, così: "le 13.000 persone senzatetto attualmente previste si accaparreranno, vista l'occasione unica per moltissima gente, una casetta antisismica, nuova, con tutti i comforts, con giardino e quant'altro, nei posti più belli, finora negati persino alla popolazione locale. Assergi ad esempio era un miraggio per molte persone(...) Oggi questa massa di persone si ritrova un'occasione unica, lasceranno le macerie delle loro vecchie case ammuffite in centro dell'Aquila o altrove e si trasferiranno in zona amena e soleggiata". Mi vergogno persino di trascrivere una cosa del genere, Come se la gente fosse contenta di aver perso i risparmi di una vita ed i sacrifici a causa del terremoto e fosse pronta a rubare del terreno agricolo per avere una casetta provvisoria da trasformare nell'abitazione di una vita. Come ci si permette di definire queste povere persone "massa di gente" pronta a rubare terreni, come ci si permette di definire le case di questi poveri cristi "macerie vecchie ed ammuffite", come ci si permette di essere così meschini non riesco a spiegarmelo. Non voglio entrare nel merito di terreni espropriati o luoghi in cui costruire le nuove casette, no non è questo che si contesta qui. Ognuno è libero di esprimere la propria opinione, ma scrivere queste offese no! Chi le ha scritte dovrebbe vergognarsi di se stesso e della paura di perdere il proprio orticello, qui si tratta di essere privi di educazione, rispetto del prossimo e civiltà Se nemmeno una tragedia a pochi km di distanza riesce far cambiare le persone. La mia ragazza in centro è quasi rimasta sotto le macerie, ha perso la casa e non credo che sarebbe per nulla contenta di avere una casetta come insinua questo Fenomeno, no, lei come gloi altri vorrebbe solo tornare a casa sua. State certi che chi ha perso la casa (me compreso) ha tutt'altra preoccupazione che trovare un luogo ameno e mi stupisco che nessuno abbia commentato prima quanto detto da tale Francesco Ippoliti, che sinceramente ora, passata la rabbia del momento, mi fa anche un pò pena se può arrivare a scrivere cose del genere pur di non perdere un pò di terra. con rammarico dott. Luca Pezzuto

Luca

Rispondi/Commenta

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54