Bacheca

Questa sezione è dedicata a tutti voi per lasciare commenti, saluti, esperienze e pensieri...


INSERISCI MESSAGGIO

23-03-2015 - Antonio Giampaoli come vedi non sono esperto nello scrivere con i talbett. Chiedo scusa al signor cifone ma non per colpa mia . Questo attrezzo scrive come gli pare . mi perdonano quanti leggono questa pagina .bella là foto della piazza. Ciao e buon lavoro.

cipicchia Pietro

Rispondi/Commenta

Risposta di cifone - 23-03-2015
ahahaa pietro lo avevo capito! un salutone

22-03-2015 - Cari assergesi tutti nel vedere là foto di benvenuti assergi parco del gran sasso e mondi della lega ho notato che i nostro piccolo paese se abbassato di metri 35 , sono stati sempre 895 m. Chila portati via. Oh forse le lumache lo hanno divorato tutto questo territorio. Forse hanno cominciato a spianare prima delle ruspe di cafone .alla faccia di chi ci dovrebbe tutelare.

cipicchia Pietro

Rispondi/Commenta

21-03-2015 - Grazie Antonio per aver pubblicato la mia riflessione personale.

Carpi Roberto

Rispondi/Commenta

21-03-2015 - Assergi Antico...riflessione personale di Roberto Carpi ......... Non voglio fare polemiche che non servono a nulla ma una piccola riunione con i residenti perchè non è stata fatta? Si sarebbe potuto (forse) trovare una soluzione.......... perché la "coccia" di chi vuol ricoprire certi ruoli nella comunità, forse, è vuota!!!!!

cifone

Rispondi/Commenta

16-03-2015 - Vietato irrigare i campi -Vietato raccogliere legname secco - Solo divieti: Quale danno si fa se una persona raccoglie legname secco ?????? ( Secco ) Chi deve controllare controlli. Invece di dire a chi ha ha la possibilità di ripulire la zona, (Quando sarà possibile) Vietare solo Vietare : Sicuro che a presto ci sarà il taglio legnatico ???? Mia madre come altre persone sono tre anni che è costretta a comprare la Legna. Solo per curiosità che fine hanno fatto le piante tagliate a piazza S. Franco e alla porta del Colle ??? Questa della porta del colle è un'altra storia..................a tagliare tutto sono stati veloci ma quando si comincerà a sistemare la zona.

Mosca Luciano

Rispondi/Commenta

14-03-2015 - Leggendo la riflessione del sign. Cifone, provo delusione rabbia e frustrazione e non posso che dirmi daccordo sul fatto che forse dovremmo smettere di piangerci addosso aspettando la manna che non si sa se arriverà e se si in che misura. Certo l'idea provocatoria della ruspa non si allontana molto dalla realtà,visto le condizioni in cui si trova il nostro paese che letteralmente sta muffendo anche grazie ai furti di discendenti e canali per lo scolo delle acque(a proposito, visto che i ladri che hanno devastato Assergi e gli altri paesi sono quasi stati tutti arrestati ed il materiale recuperato,anche se ormai inutilizzato,perchè non li si obbliga a ripristinare il mal tolto invece di tenerli in vacanza nelle nostre confortevoli galere confronto a quelle del loro paese?)alla mancanza di controlli e purtroppo,anche dal poco interesse dei proprietari di case sia Assergesi Romani di altre regioni e anche di emigranti. Rifletteva Cifone......facciamoci venire un idea,e allora a me è balenato alla mente;ma perchè non facciamo uno sforzo ed ognuno pensa a ristrutturare la propria casa?perchè non ci impegnamo a far diventare il nostro paese uno dei più bei borghi D'abruzzo?Si potrebbero coinvolgere gli usi civici per la direttiva e le pratiche burocratiche?Si potrebbero coinvolgere i giovani per ampliare idee di come attuare questo programma? Vi siete mai soffermati a riflettere che ciò potrebbe portare lavoro turismo e visibilità al nostro paese? Una volta ristrutturato,si potrebbero affittare le case, si potrebbero aprire piccole attività come rivendita di prodotti locali,bar, pizzeria o altri locali con specialità esclusive di assergi dove i nostri ragazzi potrebbero socializzare e i più anziani tornare a parlarsi invece di rimanere nelle confortevoli case ma.....Soli. E' un sogno?no è volontà di fare,altrimenti non ci resta che...Piangere o.... LA RUSPA.

Gianfranco Masciocco

Rispondi/Commenta

Risposta di cifone - 16-03-2015
gianfranco? zero commenti! sembra che non freghi niente a nessuno!

14-03-2015 - Ricostruzione, le frazioni in rivolta anche se partisse un solo cantiere ad Assergi dopo 6 anni da terremoto, vuol dire che, essendo 30 i consorzi di Assergi, il secondo partirebbe nel 2021, il terzo nel 2027, il quarto nel 2033, il quinto nel 2039, il sesto nel 2045 e via dicendo..... che facciamo? lo abbandoniamo il paese? rinunciamo così alle nostre case? alle nostre radici? alla nostra storia? un incontro per una decisione comune no? un'iniziativa da proporre nemmeno? abbiamo fatto una riunione tra pochissimi presidenti di consorzi dove abbiamo accettato un documento base; che seguito diamo? io un'alternativa l'avrei: affittiamo una una ruspa, demoliamo tutto lasciando le macerie dove sono e fankulo Assergi

cifone

Rispondi/Commenta

07-03-2015 - Per caso facendo una ricerca sul mio nome, ermanno morelli, ho scoperto il libro partigiani pastori e para. Don ermanno morelli era il fratello di mio nonno roberto che aveva la sua casa a tempera. Da piccolo sono stato due volte a trovare lo zio di mio padre ad assergi. Ho mangiato e dormito nella canonica. Ho molti ricordi e sono commosso. Vorrei avere il libro. Abito a Venezia via prati 18 cap 30173. Vi ringrazio e a presto

Ermanno Morelli (Venezia)

Rispondi/Commenta

Risposta di Frank Medoro, Canada - 08-03-2015
Wow! Che bello, un’altro Ermanno Morelli, un nome assai conosciuto e ripianto dagli vecchi Assergesi. Mio padre, Orlano Medoro (1907-1986), fu il primo figlio in Assergi, essendo battezzato da Don Ermanno e pertanto si riferivano uno all’altro come ‘compari’. Ricordo bene, Don Ermanno a capo tavola a cena, la sera prima del giorno di partenza di mio padre per il Canada il 7Luglio 1949. Noi, quattro figli di Orlando e Anna, siamo stati tutti battezzati in Assergi da Don Ermanno. Tiene ragione ad essere fiero del tuo nome. Be very proud of it.

05-03-2015 - circa il "duello" Cialente vs Diaconale riporto un mio articolo "postato" nel maggio dello scorso anno! è trascorso quasi un anno ma è ancora attualissimo: A Roma il 21 maggio, nella splendida cornice della sede della Società Geografica Italiana all’interno del parco di villa Celimontana, si è svolta la presentazione di due libri sul Gran Sasso “una raccolta fotografica di Ranalli”e “storia dell’alpinismo in Abruzzo di S. Ardito”; pubblico appena 40 persone ed assenza dei due autori!!!!! (non so se a voi sia mai successo ma, a me, è la prima volta che capita di partecipare alla presentazione di due libri e non ci sono gli autori). Tra i relatori Cialente (sindaco di L’Aquila) e Diaconale (presidente del parco del Gran Sasso) i quali hanno dato vita ad una polemica diretta (in verità molto educata) circa la gestione del territorio e lo sviluppo turistico anche in funzione del post sisma. In estrema sintesi: Diaconale si scusa anzitempo di non potersi fermare fino alla fine del convegno per improrogabili impegni dovuti al suo lavoro ovvero quello di giornalista (scopriamo così che il dott. Diaconale svolge il ruolo di presidente di uno dei più grandi parchi italiani come secondo lavoro…!!! senza parole…!!!); giustifica le posizioni politiche del parco come un’autodifesa delle normative che regolano le leggi del parco stesso (del tipo vorrei ma non posso…). Cialente invece, per me, è stata una rivelazione! Come politico lo valuto 4 meno meno ma, in questa occasione, ha quasi raggiunto la sufficienza! Si, perché ha ribadito un concetto che vado ripetendo da anni sul mio blog e sul quale mi trova pienamente d’accordo ovvero che non è il parco che difende il territorio imponendo le sue leggi ma se lo Stato trova un territorio integro, conservato e non inquinato, lo deve al lavoro ed all’impegno secolare della popolazione locale e quindi la gente che abita e vive nel territorio oggi vincolato a parco, non può essere penalizzata rinunciando a tutte quelle attività agricole, boschive ed anche turistiche che ne hanno reso possibile la trasformazione in parco. In definitiva la polemica verteva sull’ attuale vicenda legata alla realizzazione dell’impianto delle “Fontari” (leggi post precedenti) con il parco arroccato sulle sue normative e Cialente che ripete che si tratta di un piano d’area già approvato dalla regione Abruzzo dimenticando però di dire che i soldi per finanziare l’impresa sono soldi destinati alla Ricostruzione che non devono essere stornati per realizzazioni “ex novo”. A margine: tra i presenti ho avuto il piacere di salutare il mio amico Mauro detto “Trechiodi”, grande alpinista ed amante della montagna.

cifone

Rispondi/Commenta

25-02-2015 - Caro Antonio, innanzitutto buona giornata, ti scrivo per segnalarti l'ennesimo black out reti RAI, non so se è così solo a casa mia o dappertutto. Basta un minimo cambiamento di tempo che il sistema va in tilt. Se la cosa è generalizzata dovremmo prendere una benché minima decisione di parvenza di protesta quantomeno per fa r sentire la ns voce visto che la loro con i continui spot di sollecito al pagamento dell'odioso canone si fanno sentire tutti i giorni. Non sono tollerabili questi silenzi oltretutto visto che il loro è un pubblico servizio si ipotizza anche un illecito di carattere penale. Per far sentire la mia "opinione" ho cercato invano un indirizzo di posta elettronica ma esiste solo quello dedicato al sevizio abbonamenti. Ti saluto cordialmente aldo giusti

Aldo giusti

Rispondi/Commenta

17-02-2015 - ...buonasera caro Antonio...ufff...ufff...ufff...che corsa!!!...va bè, scusandomi per l'imperdonabile ritardo, ma siccome credo che gli Auguri sono sempre ben accetti, in questo giorno, anche se ormai volge al "tramonto", molto importante per la ricorrenza del Tuo compleanno, ricevi il mio Augurio più bello affinchè Tu possa festeggiare questi giorni in un lungo, gioioso e luminoso percorso di tanti sereni anni a venire insieme alle persone a Te care e che Ti vogliono bene e, per questo, unendomi al coro di coloro che vogliono dimostrarTi la simpatia e l'affetto Ti invio i migliori, più sentiti e sinceri "AUGURI" di buon compleanno con l'auspicio che i Tuoi sogni ed i Tuoi desideri, mai sopiti, oltre a quelli già raggiunti nella felice armonia della Tua splendida famiglia e con la grande gioia di essere anche un giovane nonno, possano presto divenire piacevole realtà,...con questo Sentimento di simpatia e affetto, alzando idealmente il calice per un brindisi beneaugurante, Ti inviamo un caro saluto in piacevole compagnia di un affettuoso abbraccio da Franco, Maria Rita e Gianluigi...ciao...ciao...ciao…

Franco Sabatini

Rispondi/Commenta

14-02-2015 - Amici di assergi racconta, sono desolato per quello che sta succedendo in paese, prima via portella ora via della chiesa e qualche settimana fa ho visto la piazzetta del forno con la casa di Angelarosa con le pareti tutte molle di acqua.Fra poco tempo chiudono tutto in paese , infischiandosene del borgo e dei suoi abitanti, a ragione Cifone, i nostri rappresentanti là strada Roma cratere terremoto sono venuti solo per curiosità riempiendo in modulo della trasferita e poi chi se visto se visto non frega niente nessuno . Guardate che fanno al parlamento quelle spese di carte libri ribaltone di legno chi paga quando si rompono dicono che là pazienza è là virtù dei forti. Aspettiamo. Pietro cipicchia

Pietro Cipicchia

Rispondi/Commenta

12-02-2015 - Cornicioni cadenti, chiusa Via della Chiesa ad Assergi comincio a pensare che quest'abbandono sia voluto, si voglia degradarlo a tal punto per poi fare una mega speculazione edile/finanziaria/politica; aspettare che la gente rinunci e perda le speranze nei contributi per poi vedere arrivare il gruppo che rilevi interi consorzi ed ottenere quei soldi pubblici (cioè nostri) per ristrutturare e rivendere, altrimenti non si spiega perchè l'unico centro abitato all'interno del parco, sede del parco, il più vicino alla funivia, con la presenza del laboratorio e dell'autostrada sia lasciato così abbandonato; non un consorzio ha ricevuto, finora, un benchè minimo contributo

cifone

Rispondi/Commenta

10-02-2015 - Ciao Antonio,come ogni giorno apro il sito Assergi racconta per sentirmi sempre vicino alle mie radici ed essere informato riguardo ai vari avvenimenti e sperare di sentire qualche buona notizia sia che riguarda gli abitanti,e anche per ciò che concerne una sperata ricostruzione o meglio ristrutturazione del nostro paese storico,ma aimè sembra che sei anni siano passati invano. Comunque mi ha colpito la rabbia del signor Lucio verso le istituzioni comunali e nella specie del sindaco Cialente che, insieme alla sua giunta sembra diventato invisibile o poco attento alle problematiche quotidiane dei cittadini da lui amministrati. Eppure non è difficile prevedere le condizioni metereologiche quando si vive a ridosso del gran sasso,a circa mille metri di altezza e nonostante le informazioni meteo abbondanti che prevedevano forti nevicate già a quattrocento metri di altezza. Comprendo la rabbia e lo sconforto di Lucio,e sono pienamente convinto del ruolo degli usi civici che, benchè non di propia competenza assolvono a responsabilità non previste.Al dott.Cialente e alla sua giunta vorrei dire;ma dove sono tutte le maestranze che regolarmente ogni mese retribuite?dove sono spazzini,giardinieri,vigili,operai adetti alle varie manutenzioni?dove sono spargi sale, spalaneve,addetti alla pubblica illuminazione. Un'altra riflessione;ha mai fatto un giro in emilia dove il terremoto ha fatto gravissimi danni?si faccia un giro,no non è tutto ricostruito ma siamo a buon p unto,ma la cosa che mi ha colpito(conosco bene quei luoghi perchè ho dei parenti) è che non hanno mai abbandonato piccolissimi paesi avendone cura e facendo in modo che sembrassero ancora pieni di vita,e chi si è occupato che questi paesi non divenissero un cimitero?si caro sindaco propio quelle maestranze stipendiate che non potendo dare i loro servigi alle cittadine più grandi e con più problemi (VEDI L'AQUILA)li hanno riversati orgogliosamente ai loro amatissimi piccoli centri con conseguente risparmio per la ricostruzione. Adesso però si faccia un giro per i paesi del suo territorio,strade impraticabili,luci ridotte al lumicino,immondizia in ogni angolo,degrado che avanza inesorabilmente,sicurezza zero. Se qualche paese è ancora visibile e in un discreto stato di conservazione lo si deve solo a qualche residuo abitante e a quei pochi romani che hanno la seconda casa,ma soprattutto agli usi civici che con senso di responsabilità e amore per il loro paese ne curano le necessità nei limiti possibili. Non oso pensare sign.Sindaco che lei,la sua giunta,non abbiate mai pensato di usare la vostra intelligenza mettendola al servizio dei vostri cittadini che vi hanno eletti quali loro rappresentanti delegandovi a risolvere almeno le faccende più elementari come,la neve le strade, le scuole ecc.Non oso immaginare che ci siano decine di uomini e donne che a causa dell'inattività della città vengano usati in modo ridotto quando potrebbero essere utili nelle molte frazioni e paesi,si se si usasse questa forza lavoro si eviterebbero disagi e arrabbiature e si potrebbe sopportare meglio e non aggravare un disagio naturale.

Gianfranco Masciocco(Gianni)

Rispondi/Commenta

02-02-2015 - Presso Montelibretti è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari Franco Masciocchi. I figli, i nipoti e i parenti tutti ne danno il triste annuncio. Franco era molto conosciuto ad Assergi, era un componente del gruppo denominati "I Senzavergogna" che in diverse occasioni ha animato la comunità di Assergi. Ai parenti di Franco giungano le condoglianze della nostra redazione.

Assergi Racconta

Rispondi/Commenta

01-02-2015 - Presso il Policlinico Tor Vergata in Roma è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari Angiolino Persichetti di 91 Anni. I figli, il genero, i nipoti e i parenti tutti ne danno il triste annuncio. I funerali si svolgeranno lunedì 2 Febbraio alle ore 15 nella chiesa parrocchiale S. Maria Assunta in Assergi. Ai parenti di Angiolino giungano le condoglianze della nostra redazione.

Assergi Racconta

Rispondi/Commenta

Risposta di Gabriela e Franco - 03-02-2015
Siamo vicini con affetto a Franco e Maria per la perdita del papà. Ciao Angelo R.I.P.

24-01-2015 - Dispiaciuti per la scomparsa di ANGELO ci associamo al dolore dei suoi familiari. Esprimiamo le nostre più sentite condoglianze:FABIO,ANNA MARIA,MAURO e MARIA TERESA ROSSI.

anonimo

Rispondi/Commenta

24-01-2015 - Carissimi Sono di nuovo a chiedervi ospitalità per partecipare alle vostre discussioni. Il fatto è che, dopo il terremoto, ad alcuni aquilani emigrati come me, è venuto spontaneo preoccuparsi per il futuro dell’Aquila e di pensare e tentare, anche da lontano, di suggerire qualche idea per indirizzare la città verso vocazioni e prospettive nuove, ovvero dare più energia a quelle già prima esistenti, ma che erano rimaste latenti o ingabbiate. Per la verità avevo anche il dubbio che nell’attuale difficilissima congiuntura, la classe dirigente dell’Aquila avesse il tempo e la lungimiranza per guardare più lontano. Oggi, scorrendo l’articolo "Cannoni sparaneve per Campo Imperatore – Assergi diventerà la Peschici d’Abruzzo", inizio a ricredermi, per alcune frasi del sindaco, quali: “piano di marketing turistico”, valorizzare e mettere in rete insieme ad Assergi, borghi isolati come “ Camarda, Aragno, Filetto, Pescomaggiore”, …. “pista ciclabile Assergi – Aragno – Collebrincioni, … che confluirà nella seconda pista Molina – Capitignano” e perfino con i percorsi “disseminati di bed and breakfast , ricavati nei vecchi caselli”. Confesso che alcuni slogan, come “la Peschici d’Abruzzo”, non mi piacciono e forse sono fuori luogo. Per qualcuno di quei borghi isolati non sarebbe più interessante ispirarsi al modello Santo Stefano di Sessanio? Ma l’entusiasmo e lo spirito visionario che traspaiono da questo articolo, mi sembrano importanti per cominciare a delineare e perché no, a concretizzare le novità e le vocazioni future di questa parte d’Abruzzo. E mi pare anche logico che per ragionare su questo nuovo scenario si assuma come punto di partenza proprio il Gran Sasso. Se l’altro ieri ho discusso l’idea dei cannoni sparaneve, oggi vorrei commentare (o suggerire?) qualcosa sul “piano di marketing turistico”. Premesso che la definizione “turismo green” è adatta per essere al centro di questa idea di sviluppo, suggerirei di interpretarla in senso più ampio, anche verso un turismo di qualità. Forse dico una cosa ovvia, ma considererei molto seriamente il fatto che Roma dista dal Gran Sasso 115 km di autostrada, poco più di un’ora di macchina. Sarà pure un’ovvietà, ma viene da chiedersi: è mai stata fatta una vera campagna di promozione e marketing con obiettivo di attrarre turismo di qualità, su Roma? Forse si potrebbe cominciare con sondaggi in campo (questionari?), fatti tra campioni di gente della capitale, per capire cosa si aspetterebbero e cosa piacerebbe loro della nuova Aquila, e in particolare di un nuovo (oganizzativamente parlando) Gran Sasso. Forse la nuova Aquila può anche diventare luogo di seconde case per i Romani, anche in vista della sovrabbondanza di appartamenti che inevitabimente emergerà nel prossimo futuro? Ricordo che quando ero a Milano, per andare a sciare (o per una camminata in montagna in estate) dovevamo come minimo fare due ore di macchina. Alpe di Mera, Alagna, Livigno, Cervinia ecc. sono abbastanza più distanti da Milano di quanto non lo sia Roma dal Gran Sasso. La stessa cosa si può dire per la distanza di Venezia dai campi di sci. Roma può essere il target di riferimento e viene da pensare che una volta stabilita una sintonia, si saranno create le premesse per essere attrattivi anche verso altre città o regioni, magari anche verso l’estero. Gaetano Sebastiani, Venezia.

Gaetano Sebastiani

Rispondi/Commenta

23-01-2015 - Orgogliosa di aver avuto un papà che, fiero di essere "assergitto", ha avuto il desiderio di tornare a casa. Un saluto a chi lo ricorda. Maria Teresa e famiglia

Maria Teresa e famiglia

Rispondi/Commenta

Risposta di - 23-01-2015
Teresa , sono Pietro non poi capire il dispiacere che ho provato per tuo padre.vi ho cercato per tanto tempo però i vostri telefoni non rispondevano. la nostra amicizia è stata tanta. lo ricorderò nelle passeggiate fatte in montagna . le nostre più sentite condoglianze:a tutta la tua famiglia PIETRO E ANTONIETTA TACCA

22-01-2015 - Ringraziamo a quanti hanno voluto esprimere affetto e vicinanza in questo triste momento per la perdita del mio caro Papà.

Enzo Giannangeli e famiglia

Rispondi/Commenta

22-01-2015 - esprimiamo sincero dolore per la scomparsa di angelo. famiglia Masciocco

Gianfranco Masciocco

Rispondi/Commenta

22-01-2015 - Questa mattina a Roma, è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari Angelo Giannangeli (Cuturine). I funerali avranno luogo ad Assergi sabato 24 gennaio alle ore 15:00. Ai parenti di Angelo giungano le condoglianze della nostra redazione.

Assergi Racconta

Rispondi/Commenta

22-01-2015 - Gentilissimi Sono un ingegnere aquilano che da tanti anni vive a Venezia, dove da tempo partecipa alla discussione degli aspetti tecnici critici del MOSE, uno dei quali è l'atteso aumento del livello dei mari, dovuto all'effetto serra. Con questa nota vorrei dare un contributo alla discussione in atto sulla proposta del sindaco Cialente di installare cannoni sparaneve sul Gran Sasso. In risposta al sindaco, il prof. Visconti esperto di effetto serra e cambiamenti climatici, ha affermato che fra 20 o massimo 30 anni non ci sarà più neve negli Appennini. Da parte mia non posso non affermare che, questa volta, il politico ha ragione sul professore. Il cambiamento climatico è un fenomeno oggi accettato dalla comunità scientifica, anche se non proprio all’unanimità. Si parla di un aumento della temperatura media della terra, ma nessuno ipotizza che il fenomeno sia uniforme in tutti i posti del mondo e peraltro si dà per assodato che i fenomeni estremi (caldo, freddo, precipitazioni ecc.) aumenteranno sia in numero che in intensità. Una delle stime oggi più accreditate valuta l’aumento medio globale delle temperature per effetto serra di 2 gradi per il 2052 e 2,8 gradi per il 2080. Ammettendo che su Campo Imperatore si verifichi un aumento pari a quello medio globale (ovviamente è un'ipotesi), dato che attualmente le temperature medie dei mesi invernali sono -4 gradi per gennaio e febbraio e -2,5 gradi per dicembre e marzo, ancora nel 2100 in inverno avremo medie sotto zero. C’è inoltre da considerare che le temperature minime su Campo Imperatore arrivano facilmente a 8-10 gradi sotto zero e che per sparare la neve si possono utilizzare le finestre fredde. Certo, oltre al freddo ci sono da considerare gli altri elementi in gioco, acqua, energia, economia… Ma penso che siano problemi risolubili, come in tanti altri posti. Considerando poi che i più moderni cannoni possono sparare neve artificiale anche sopra zero, penso che i nostri nipotini avranno ancora tanti anni per godersi la neve e sciare sul Gran Sasso. Gaetano Sebastiani, Venezia

Sebastiani Gaetano

Rispondi/Commenta

22-01-2015 - Questa mattina a Roma, è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari Angelo Giannangeli (Cuturine). I funerali avverranno ad Assergi. La data e l'ora non sono state ancora fissate. Ciao zio Angelo! Un forte abbraccio a Teresa ed Enzo.

Fausto De Simone

Rispondi/Commenta

Risposta di Gabriela - 22-01-2015
Un forte abbraccio a Enzo e Teresa. Ho bellissimi ricordi di lui. Ciao Angelo R.I.P.

23-12-2014 - Le feste sono quasi alla porta e così m'affretto ad inviare calorosi auguri di Buon Natale a tutti i parenti, amici, e paesani in Assergi, L'Aquila, in Italia, ed altrove, con la speranza che l'Anno Nuovo sia portatore di tanta gioia e salute. Merry Christmas & a Happy New Year to all.

Frank Medoro (Canada)

Rispondi/Commenta

17-12-2014 - anch'io mi associo agli auguri di masciocco certo di veder arrivare i soldi dell'accordo sulla cessione del gran sasso

cifone

Rispondi/Commenta

16-12-2014 - Desidero congratularmi per la riconferma dei componenti della lista Uniti per Assergi e per il nuovo entrato Luca Acitelli. L'ottimo risultato è dovuto sicuramente per il lavoro svolto in questi anni nonostante le difficoltà economiche,legislative burocratiche delle nostre leggi. Mi congratulo anche con i cittadini di Assergi che hanno apprezzato e compreso gli sforzi che questi uomini compiono a favore della comunità in modo del tutto volontario,cosa poco comune di questi tempi. Voglio augurarvi di continuare su questa strada,con la speranza che i cittadini possono aiutarvi con idee e programmi futuri collaborando insieme alla rinascita del nostro territorio,augurandomi che, giovani,donne e uomini possano inserirsi nelle problematiche nell'amministrare il loro paese,e che sono in grado di farlo lo dimostra il fatto che ogni anno gli vengono affidati incarichi importanti come l'organizzazione delle varie manifestazioni che coinvolgono in un clima festivo tutto il paese e i molti turisti.Un'ulteriore dimostrazione è la cura che hanno assolvendo responsabilità civili nella cura dell'ambiente e della protezione civile,A TUTTI VOI GRAZIE.

Gianfranco Masciocco

Rispondi/Commenta

11-12-2014 - Certamente tutti noi conosciamo la canzone del cantautore Venditti dal tema molto attuale di questi ultimi anni,e che titola”IN QUESTO MONDO Di LADRI”…..e direi ,LUPI travestiti da santi. Gli attuali fatti di cronaca sono una prova tangibile(vedi la cronaca di Roma)del malcostume di cui siamo circondati,e tutto ciò ricade su ognuno di noi dovendone subire le conseguenze in termini economici,sicurezza,e qualità scadente della vita. Lupi famelici, che si arricchiscono sulle tragedie,sulle calamità,uomini falsi che fanno promesse e non le mantengono(vedi la ricostruzione dell’Aquila e dei paesi vicini)solo allo scopo di rimanere attaccati ai loro privilegi politici ed economici,uomini e donne pronti a battersi il petto dichiarandosi cristiani ma, dimenticando che il fondatore del cristianesimo ODIAVA coloro che maltrattavano,rubavano,dichiaravano il falso, e molte volte li chiamò IPOCRITI meritevoli del disprezzo degli umili e di Dio. Ma in mezzo a questo mondo corrotto ci sono persone che meritano il nostro apprezzamento la nostra stima, che mettono la loro intelligenza, i loro mezzi, e spesso la loro vita al servizio dell’umanità,uomini e donne in prima linea nel combattere la moderna peste(Ebola)criminalità,terrorismo,ecc ecc. E di questi ne siamo orgogliosi, sono per noi uno sprone a non l’asciarci schiacciare dagli aspetti negativi che stiamo attraversando incoraggiandoci anche a rimboccarci le maniche e lavorare per migliorare questo mondo. E cosi anche nel proprio piccolo ci sono persone che meritano un grazie per gli sforzi che compiono a favore della nostra comunità anche se non possiamo paragonarli (e loro ne sono consapevoli)a quelli che abbiamo appena citato. Grazie al BED,al GIAMPI,FORE LE MURA,VULIA,PICNIC ,MAESTRI Di SCI,MONTI MATTI,LA COOPERATIVA,e scusate se mi è sfuggito qualcuno. Desidero quindi ringraziare la giunta uscente degli usi civici insieme a Maurizio per il buon lavoro svolto in questi quattro anni perché, hanno permesso con la loro attenzione che,ASSERGI continui ad esistere a differenza di alcuni paesi da me visitati in estate,e che sono stati lasciati a se stessi con tutte le conseguenze visibili a tutti. Vedere l’impegno di singoli componenti degli usi civici nel prendere parte alla pulizia del paese ed ad altre problematiche è per me motivo di orgoglio ed è anche per tutti noi un incoraggiamento ad interessarci delle nostre proprietà facendo un po’di manutenzione, pulizia,rendendo il nostro paese accogliente per i visitatori e nel proprio rispetto e di chi ci ha preceduto. Tutto ciò(sembra impossibile di questi tempi)è stato fatto a titolo completamente gratuito,anzi togliendo tempo e risorse alla propria famiglia. Sono piccole cose ,ma l’asciano sperare che in questo mondo ci sono ancora molte persone sane di principi, e che sono felici di fare gli interessi degli altri. Siamo persone imperfette,ciò a volte ci porta ad ascoltare discorsi vuoti che tendono a screditare qualcuno(si doveva fare così,perché hanno fatto,o non hanno fatto?)ma se ci facessimo guidare dai fatti e dal buon senso avremo un altra visione della situazione riferitaci, qualunque essa sia. Prendiamo visione di tutto ciò che è stato fatto in questi anni consultando la lettera degli usi civici esposta nella bacheca “ASSERGI RACCONTA”ed in attesa che il comune regolarizzi nei fatti il suo contenzioso a favore della comunità, che significa un bel tesoretto da reinvestire nel territorio, vi auguro di poter continuare a lavorare come state facendo a favore di tutti noi che abbiamo a cuore Assergi e poter vedere il frutto del vostro impegno. Certo vi E’ancora molto da fare,ma sono sicuro che i futuri componenti degli usi civici continueranno a fare le cose che hanno in programma nonostante l’assenza delle istituzioni comunali e provinciali perché sono convinto che non tutto il mondo è un mondo di ladri. Gianfranco Masciocco

Gianfranco Masciocco

Rispondi/Commenta

07-12-2014 - ..dopo aver condiviso una scelta così importante per la Vostra vita con la decisione di intraprendere un bel "viaggio" insieme, cari sposi Emanuela e Stefano, Vi inviamo i nostri più veri, sinceri ed affettuosi Auguri per la "costruzione" di una nuova famiglia,...con questo Sentimento è la nostra speranza, l'augurio e il nostro migliore auspicio che possa essere un lungo, gioioso e luminoso percorso di tanti meravigliosi anni a venire, in uno dei momenti più importanti ed emozionanti che una coppia possa vivere...Ai cari sposi l'augurio per un piacevole e rilassante viaggio di nozze, in piacevole compagnia di un caloroso saluto e un abbraccio da Franco, Maria Rita e Gianluigi...ciao...Ciao...CIAO... ...

Franco, Maria Rita e Gianluigi

Rispondi/Commenta

07-12-2014 - Il 6 dicembre 2014 a Palazzo dei Nobili, a L’Aquila si sono uniti in matrimonio Stefano Pensa ed Emanuela Faccia. Stefano è di Tagliacozzo, Emanuela di Assergi, si sono incontrati nel più semplice dei modi, per caso…oggi sono marito e moglie. Ad Emanuela e Stefano tantissimi auguri dalla nostra redazione affinché questo giorno sia l’inizio di un felice e lungo futuro insieme.

Assergi Racconta

Rispondi/Commenta

06-12-2014 - ...grazie caro Pietro dei Tuoi Auguri che ricambio con cortesia ed affetto...è una ricorrenza che si ripete ogni anno per un momento di piacevole armonia e bella conviviale...sarebbe stata molto gradita la Tua presenza e spero che alla prossima "rimpatriata" avremo questo piacere...voleva solo essere un caro saluto da Franco Sabatini (u Pittor...)

Franco Sabatini

Rispondi/Commenta

05-12-2014 - Al capo gruppo alpini di assergi antonio massimetto , complimenti per il raduno magneresco mi dispiace molto di non essere li con voi però sono orgoglioso di far parte della famiglia alpina, son contento di vedere tutti gli amici di assergi , affettuosi saluti e auguri di buon natale a voi e famiglie, alpino cipicchia pietro

cipicchia pietro

Rispondi/Commenta

03-12-2014 - Ho appena letto su Facebook il resoconto di Antonio Giampaoli della festa per i 140 anni del CAI nonché la storia della Sezione aquilana ripercorsa da Clementi ed Alessandrii . Io sono aquilano ma manco da L’Aquila dal 1960 Mi ha fatto molto piacere leggere e quindi ricordare i vari vecchi soci Vittorio Agnelli, Alessandro Clementi, Francesco Speranza ecc.ecc. Al riguardo volevo segnalarVi che il sottoscritto è socio della Sezione Aquilana dal 1947 e quindi con ben 67 anni di anzianità (vi allego fotocopia della mia tessera d’iscrizione) Tutti i summenzionati soci sono da me conosciuti perché negli anni giovanili abbiamo frequentato insieme la nostra montagna (Gran Sasso); Vi prego quindi, se possibile, di salutarli tutti a mio nome. Vi prego di iscrivermi alla vostra mailing list in modo da avere direttamente le notizie del vostro sito che ho trovato molto utile per noi che viviamo lontano da L’Aquila. Vi ringrazio dell’ospitalità e Vi saluto cordialmente SERGIO SIMONGINI Via Angius 25 - CAGLIARI

Sergio Sigismondi

Rispondi/Commenta

01-12-2014 - Presso l'ospedare Santa Maria Goretti di Latina è venuta a mancare all'affetto dei suoi cari Angela Alloggia di anni 78. I figli, i nipoti e i parenti tutti ne danno iltriste annuncio. I funerali si svolgeranno a Latina oggi 1 dicembre alle ore 15:30 nella chiesa del quartiere Campo di Carne. Ai parenti di Angela, giungano le condoglianze della nostra redazione.

Assergi Racconta

Rispondi/Commenta

26-11-2014 - Gruppetto di ragazzi seri e ben educati,per passare un capodanno lontano dalla confusione delle discoteche,cercano casa in affitto per due giorni e una notte:31 Dicembre-1 Gennaio.Tel:3478987407

Sara Cococcia

Rispondi/Commenta

25-11-2014 - Caro compare . Antonio con gradita sorpresa ho letto le belle parole , sono molto contento che state tutti bene soprattutto la comare , ho visto il tuo messaggio solo oggi perché non avevo segnale .noi tutti bene, saluti al resto dei famigliari .compare antonio scarcia quanti anni sono che non ci vediamo. Il pensiero è sempre con voi.

cipicchia pietro

Rispondi/Commenta

25-11-2014 - ...Buongiorno a tutti ed in particolare alle “Donne”, in quanto oggi, 25 Novembre 2014, è stata promossa come “giornata mondiale” contro la violenza nei confronti delle “Donne”…un tema molto delicato, dibattuto e, purtroppo, sempre più attuale…mi permetto, come uomo, di aggiungere e titolare, con un senso di dovuto rispetto, “Inno alla Donna”!!!… oggi è un nuovo giorno e, come ogni giorno, nonostante continuamente le cronache ci portano a conoscenza di efferati delitti perpetrati a danno delle Donne, dovremmo onorarLe e ringraziarLe per il loro mai abbastanza riconosciuto "Ruolo" di Donna, Moglie, Compagna e soprattutto il fascino e l'arduo compito di essere "Madre" come "complemento" essenziale dell'uomo per poter essere "Padre”…mi auguro fortemente che questa giornata non diventi, come tante altre, una tragica ricorrenza, poiché significherebbe che non abbiamo il coraggio, la forza e la volontà di provare a “fermare” e “combattere” fino in fondo le molteplici discriminazioni sociali e le nefaste e drammatiche violenze fisiche, psicologiche e morali che le Donne hanno subito nel tempo e che, purtroppo, sono ancora presenti all’ordine del giorno,…mi piace poter ripetere e sottolineare il mio doveroso e rispettoso pensiero nei riguardi della Donna, in piacevole compagnia di un sincero e sentito Augurio affinchè questi momenti, possano diventare ed essere rievocati solo come antichi ricordi di tempi passati e, ormai maturi per raccogliere i buoni e profumati “frutti” di una lunga, buona, curata e sana “coltivazione”;…la nostra Speranza è che l’unica e vera ricorrenza possa essere solo la “festa dedicata alla Donna” che,…dovrebbe avere e portare con sé lo splendore di un sorriso e il “sapore” gustoso della gioia, del piacere, della serenità, della condivisione e della pace e non, come purtroppo, continuiamo ancora ad assistere a questo brutto, triste, deplorevole e insopportabile “spettacolo” con continue “proiezioni” d’immagini di violenza “in genere” e “di genere”, quando la stessa viene perpetrata in particolare a danno dei più deboli ed indifesi, quali le donne, gli anziani ed i bambini;…se la riflessione e la gioia più intensa e più bella che dovrebbe accompagnare ognuno di noi, fosse, tra le altre cose, quella che,…”nello sguardo di un anziano vedesse Suo padre,…nello sguardo di un bambino/a riconoscesse Suo/a figlio/a,…nello sguardo di una Donna immaginasse la raffigurazione di Sua madre”,…forse potremmo incamminarci con fiducia e provare a credere in un mondo migliore e meno violento e, allontanare per sempre dai nostri occhi quelle crude immagini di violenza e collocarle in un “archivio” ben sigillato di lontani e drammatici ricordi,…forse è solo un sogno desiderato, ma, il desiderio può essere un obiettivo da raggiungere e, insieme, con la forza di volontà ed il coraggio necessario può diventare un traguardo possibile da raggiungere;…mi ritornano in mente e continuo a ripetere, sempre per “non dimenticare e sottolineare” che, grazie ad anni di “lotte” che hanno portato ad una sana “rivoluzione culturale”, la Donna con piena consapevolezza e determinazione ha abbattuto molte “barriere ideologiche”, portando spesso un contributo positivo attraverso conquiste sociali, politiche ed economiche, cercando di riaffermare la pari dignità e le giuste aspirazioni ed ambizioni;…bene, spesso ci ripetiamo e non dobbiamo mai stancarci a farlo, finchè non riusciremo a cambiare al meglio le cose;…se riuscissimo a vedere sempre il fascino e la dolcezza che appartengono alla Donna, nella più alta e significativa rappresentazione del più importante valore e desiderio quale può essere il senso ed il sentimento della figura e dell’immagine più alta di “madre” che porta nel grembo il “germoglio” e poi il dono della vita ai propri figli che accudisce con amorevole cura e particolare attenzione, nonchè, di desiderata moglie e tenera amante di un piacevole e lungo viaggio di vita;…ecco, forse dovremmo rimettere al centro dell’attenzione quella magica parola che è “l’Amore” che ha il potere e la forza di stravolgere con piacere la nostra mente e riesce ad avvolgere, percorrere e far fremere il nostro corpo di continui ed imprevedibili brividi e, sa infondere e trasmettere come in un grande "abbraccio" di sentimenti quelle piacevoli pulsazioni, sensazioni ed emozioni;…parlo di “Amore”, non quello che a volte viene confuso con il senso di “proprietà” dell’”Altro” e porta a commettere efferati, immotivati ed ingiustificati delitti, per la maggior parte dei casi, appunto, nei confronti delle Donne che diventano vittime “sacrificali” di orchi senza scrupoli...purtroppo, credo che la strada è ancora lunga ed irta di ostacoli, poiché ogni giorno, come fosse un “triste bollettino di guerra”, riceviamo e registriamo in ogni angolo del mondo il persistere di soprusi e violenze fisiche, morali e psicologiche nei confronti delle Donne che dovrebbe infondere in ognuno di noi profonda rabbia ed indignazione e, mai, come spesso accade, con rassegnazione e peggio ancora con deprecabile indifferenza;…comunque, mi piace pensare e poter credere in un mondo migliore e, solo quando riusciremo, insieme, uomini e Donne, nel pieno e consapevole rispetto reciproco, ad eliminare o almeno a marginalizzare questi gravi, violenti ed inaccettabili fenomeni, potremo completare un percorso già in parte avviato per un mondo più giusto ed equilibrato che sappia ridare alle cose il giusto peso e significato;…è con questo breve pensiero che volevo portare e rinnovare il Sentimento più alto e dovuto, inviando loro idealmente l’omaggio sempre apprezzato di un mazzo di fiori, quale caloroso simbolo d’Amore;…ecco, l’imperativo dovrebbe essere, combattiamo con l’Amore odio e violenza!!!...e, con un sorriso poter sempre dire Loro…”grazie di esistere”!!!… …un caro ed affettuoso saluto da Franco…

Franco Sabatini

Rispondi/Commenta

25-11-2014 - ...buongiorno caro Antonio...stavo pensando che la giornata di oggi, 25 Novembre 2014, è stata proposta come "giornata mondiale" contro la violenza nei confronti delle Donne e, allora, noi parliamo e predichiamo "Amore", quale unica e vera arma per combattere odio e violenza...credo che l'Amore debba "nutrirsi" di reciprocità, poichè sia la Donna che l'uomo si sentono gratificati delle rispettive, reciproche e piacevoli "attenzioni"...l'Amore è qualcosa di troppo grande per rappresentarlo con poche parole, rappresenta qualcosa di indefinito che spazia in un grande "abbraccio" di Sentimenti, intrisi sempre da rispetto reciproco, qualunque ne sia la natura relazionale e, non solo quello strettamente "particolare" che poi il logorio del tempo tende ad affievolire....ma sicuramente resterà "Eterno" solo quando lo stesso viene "intriso" e "condito" da quei buoni ed antichi "sapori" che non tramontano mai, come " l'educazione ed il rispetto reciproco" che sono alla base di qualunque sana "relazione" che sia di tipo amoroso, affettivo, amichevole o solo anche di semplice conoscenza, a volte, anche "virtuale"...anche perchè, è da qui che poi discendono quei "valori" come la lealtà, la correttezza, l'onestà culturale dalla quale poi deriva anche quella materiale, l'altruismo, la solidarietà, la disponibilità...e potremmo fare un elenco lunghissimo ma, mi fermo qui...non per chiudere un discorso, magari per approfondirlo nei dettagli...ma, concludo nel dire che l'Amore non è una cosa astratta, ma va vissuto secondo il mio umile punto di vista, avendo sempre presenti questi piccoli "dettagli" e cercando di "attizzarlo" reciprocamente come legna al fuoco per tenere sempre accesa la fiammella ed evitare di farlo spegnere...anche quando ci sono problemi, magari solo di "comprensione" che poi è solo un "derivato" di "ascolto"...poichè, quando viene a mancare quello, certamente non può esserci l'altra...sò bene che è difficile per tutti noi, ma credo sia il solo modo per volersi sempre bene...e, allora sarà veramente "Amore" eterno...mi piaceva poter pensare all'Amore contro ogni forma di violenza...un caro ed affettuoso saluto...ciao Franco...(

Franco Sabatini

Rispondi/Commenta

16-11-2014 - messaggio per Pietro Cipicchia caro compare, finalmente ti ho ritrovato qui, la fisarmonica funziona ancora adesso la usano i miei nipoti. tantissimi saluti a te e famiglia

compare antonio scarcia (e mar

Rispondi/Commenta

03-11-2014 - Sabato 8 novembre verso le 11:00 circa arrivera` nella nostra area del Progetto C.A.S.E. ad Assergi il "Circo di Pongo" per proseguire l'idea "insieme si puo` fare" in unione con "Radio Stella 180 Amici" con un solidale nuovo gioco-progetto chiamato "il minestrone"...i bambini che volessero intervenire e dare una mano a Pongo sono tutti invitati! Verranno chieste porta a porta verdura e ortaggi e il pomeriggio si puo` fare un giro anche al paese, per poi preparare un "minestrone" da mangiare tutti insieme DOMENICA 9 sempre verso le 11:30 nel parcogiochi del Progetto C.A.S.E. con l'animazione di Pongo e dei suoi amici. Possono partecipare tutti, grandi e piccini. Pongo ha pensato questo progetto e invita tutti a partecipare!!! Grazie per l'attenzione :)

Anna Mosca Pollon76

Rispondi/Commenta

02-11-2014 - Rispondo al Signor Gianfranco Colacito. Il suo articolo su Haloween mi e’ piaciuto tanto e le dico che di zucche vuote ce ne sono anche qui a fine Halloween. Tengo a precisare che l’Halloween noi Americani non l’abbiamo ricevuto dagli Europei molti anni fa come dice lei, e` venuto qui con noi Europei immigranti quando emigrammo dall’ Europa cosi come la nostra pasta, gli Hot Dog Tedeschi, come il te` Inglese, come I pierogi Polacchi,e i matzo ball Ebrei. Ed e` di origine Celtica, Inglese, Scozzese, Romana, Ungherese e per di piu` Cristiana in altre parole Europea, venuta qui con noi Europei subito dopo Colombo anche lui Europeo. Oggi e` la festa di chi piu` ne ha ne mette in termini di costume e di maschere, ma il significato e l’origine e` lo stesso. Qui e` una delle feste piu` amate dell’ anno per i bambini. Non e` un’ usanza importata e tantomeno esportata e` venuta dall’ Europa qui con noi Europei come il Santo Natale e la Pasqua. Accolga la mia osservazione sono un’ Italoamericana e un’ Italoeuropea, due continenti che amo con lo stesso affetto. Eugenia Vitocco, USA

Eugenia Vitocco

Rispondi/Commenta

31-10-2014 - Il giorno 30 ottobre in L'Aquila presso la propria abitazione si è spento all'etá di 92 anni Sabatino Faccia. Ne danno il doloroso annuncio: la figlia Paola, il genero Alberto, le adorate nipoti Monica e Cristina, i fratelli, la sorella ed i parenti tutti. I funerali avranno luogo sabato 1 Novembre alle ore 15:00 nella Chiesa di Santa Rita in via Strinella a L'Aquila. Ai parenti di Sabatino giungano le condoglianze della nostra redazione.

Assergi Racconta

Rispondi/Commenta

16-10-2014 - Alla famiglia vivio salvina e figli condoglianze piu sentite, da noi pietro e bruna cipicchia

cipicchia pietro

Rispondi/Commenta

26-09-2014 - per i danni subiti forse sarebbe stato opportuno il sequestro cautelativo degli animali ricoverandoli in un maneggio addebitargli il costo della pensione e se inadempienti prov vedere alla vendita provvedere al ristoro del danno

aldo giusti

Rispondi/Commenta

10-09-2014 - Il mio scritto "LA FONTANA DEI FRATI" e` basato sul mio ultimo ritorno ad Assergi nel 2002, con i miei nipoti e famiglie solo per quattro giorni, pochi ma tanti per ispirarmi questo ultimo scritto basato su veri ricordi. Cio` in risposta a molti che hanno chiesto qui e li` se ero ritornata li` in Assergi. Saluti, Eugenia Vitocco

Eugenia Vitocco

Rispondi/Commenta

01-09-2014 - Grazie a tutti per gli auguri !!

Gianluca&Alessandra

Rispondi/Commenta

30-08-2014 - ...è sempre una bella notizia una nuova nascita e, il nuovo "arrivo" della piccola Giada rappresenta gaudio per la nostra Comunità che saprà accoglierla con piacevole entusiasmo di "benvenuta"...un caloroso Augurio e felicitazioni ai giovani genitori, ai nonni e a tutte le persone a Lei care, da Franco, Maria Rita e Gianluigi...ciao...Ciao...CIAO...

Franco Sabatini

Rispondi/Commenta

29-08-2014 - Oggi è venuta alla luce Giada Moro, una splendida bambina figlia di Gianluca e Alessandra. Ai genitori e ai nonni gli auguri della nostra redazione!

Assergi Racconta

Rispondi/Commenta

26-08-2014 - Ringrazio Angelo Acitelli per avermi citato nel suo libro:"ASSERGI DEL GRAN SASSO".

Mimina Faccia (sorella di Anna

Rispondi/Commenta

25-08-2014 - Cari amici, Pietro di Assergi racconta... sono proprio contento nel vedere la foto della chiesa di collemaggio con la bella parata di paesani assergesi, compreso il nostro caro parroco Don Vito. Speriamo nella comprensione di tutti, cosi il famoso parroco aquilano non dica più che assergi è il paese scacciapreti. Quando anni fa altro prete voleva prestare le reliquie di San Franco a Roio, la popolazione si ribellò e il signor mariano cotone non so il cognome disse: "la regina è potuta venire dall'ugnheria e questi non possono venire da Roio". Ciao alla simpatica coppia dalle maglie uguali un saluto affettuoso a tutti gli assirgitti compreso chi infanga le persone oneste. Ciao ciao

Pietro Cipicchia

Rispondi/Commenta

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54