J'ABRUZZU

J'ABRUZZU (Perrone-De Angelis; elab. Teo Usuelli) So' sajitu a ju Gran Sassu, so' remastu ammutulitu, me parea che passu passu se sajesse a j infinitu! me parea che passu passu se sajesse a j infinitu! Che turchinu, quantu mare, che silenziu, che bellezza! ppure Roma e j atru mare se vedea da quell' ardezza! ppure Roma e j atru mare se vedea da quell' ardezza! Po so jtu a la Majella, la montagna tutta n fiore, quant Ŕ bella, quant Ŕ bella, pare fatta pe lamore! quantŔ bella, quantŔ bella, pare fatta pe lamore! Quantu sole, quanta pace! che malia la ciaramella! Ju pastore veglia e tace pare ju Diu della Majella! Ju pastore veglia e tace pare ju Diu della Majella! Po' so' jtu a la marina, e le vele colorate, co' ju sole, la mmatina, se so' tutte lluminate! co' ju sole, la mmatina, se so tutte lluminate! Se recanta la passione ju pastore alla montagna, je responne na canzone, da ju mare a la campagna! je responne na canzone, da ju mare a la campagna!