Storie e leggende nella 'Notte delle Paure'

Storie di fantasmi, paure e 'mazzamarielli' tra i misteriosi angoli dei Monti della Laga. E' la 'Notte delle Paure', il laboratorio teatrale in programma nel borgo di Leofara, comune di Valle Castellana, dal 30 luglio al 12 agosto.

Nato nel '95 per recuperare e conservare leggende e tradizioni della cultura popolare, il laboratorio anche quest'anno regalerà ad appassionati e curiosi un'esperienza unica di 'teatro nella natura' suggestiva e selvaggia della Laga.

I partecipanti saranno accolti presso l’ostello del paese, gestito per l’occasione dall’associazione ‘I Fere'. Il lavoro dei partecipanti/attori sarà articolato in due settimane: dieci giorni di laboratorio e quattro di spettacoli, durante i quali ci si dedicherà al lavoro fisico, alla preparazione vocale, all’ideazione e costruzione delle scene, dei costumi e alla creazione drammaturgica dell’evento-spettacolo 'La Notte Delle Paure' che sarà presentato alla fine del laboratorio. Lo spettacolo sarà ambientato in uno dei palcoscenici naturali offerti dalle montagne del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga (nelle precedenti edizioni hanno ospitato la rappresentazione posti meravigliosi come le Cannavine, i resti del leggendario Castel Manfrino, i borghi di Laturo, Piano Maggiore, Valle Pezzata e altri ancora). Il pubblico invitato a partecipare viene riunito nel punto d’appuntamento al crepuscolo, poi delle guide alpine accompagneranno i partecipanti su un percorso in mezzo alla natura e condotto “nello spettacolo” illuminato solo da luce naturale di fiaccole.

Il lavoro verrà diretto e coordinato da Alessia Di Matteo e dal suo staff di attori e musicisti. Per informazioni e per partecipare al laboratorio o allo spettacolo, contattarei seguenti recapiti: cell. 3386362459 - 3336752405 - 3391702782; mail [email protected]

Il progetto 'La Notte delle Paure è curato dall'Associazione 'I Fere' con il patrocinio del Comune di Valle Castellana, dalla Regione Abruzzo, dell’Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e del Consorzio BIM Tordino-Vomano.

 



Condividi

    



Commenta L'Articolo