Assergi

UNA PASSEGGIATA NELLA VALLE DEL RAIALE

 

IL RAIALE

di Angelo Acitelli

 

 

Avverto la presenza dal rumore.
Corri impetuoso tra balze, storto,
s’ode un fruscio poi il fragore
quasi solo nel paesaggio smorto;
sul far del giorno
l’acqua tua si schiara…argentea,
la vita risveglia tutt’intorno,
pare un coro all’usignol che canta;
tra pioppi e salici e betulle,
rio sui prati e sempre più torrente,
scendi baldanzoso nella valle…
che sferzata al torpore della mente;
appari, scompari, riappari,
allo splendor del sole dai riflesso,
schizzi e spruzzi fra tanti fiori,
or vai lontano…non sei lo stesso…

Il territorio di Assergi è ricco di chiese, cappelle ed edicole: Santa maria Assunta, Santa Maria in valle, S. Maria del Carmelo (alla pòrte-‘jju rive), S. Maria delle Grazie (alle svòte-‘jju murine), San Clemente, Santa Maria de ju Vaste, Santa Maria della Croce (ruderi), la cappella de San Franche, edicola alla cona, edicola alle pernagnòva, San Pietre alla Jènca, San Nicolò alla Jènga (ruderi), Madonna della neve. Grazie all’intervento dell’Amministrazione Separata Beni Usi Civici di Assergi, l’edicola delle pernagnòva è stata restaurata ed è uno splendido riferimento per iniziare una passeggiata nella “Valle del Raiale”.
Dalle ultime case di Assergi una stradina bianca si inoltra nella valle del torrente Raiale costeggiando il piccolo corso d’acqua. Dove la valle si allarga si scorge qualche campo ancora coltivato: buona terra fra le aride e pietrose pendici. Poco prima che la strada si trasformi in sentiero si vede sulla destra un grosso arco incassato sotto un riparo roccioso: siamo giunti alla chiesa rupestre di Santa Maria della Croce (40 minuti).
Ciò che rimane della vecchia costruzione, oltre al suo muro di valle che giunge fino alla stradina, è la parte absidale, i cui resti chiudono dei piccoli vani sotto roccia. Buona parte del corpo della costruzione, quella verso valle, doveva essere scoperta e costituiva una specie di sagrato della chiesa. È invece evidente la copertura della parte antistante l’abside dagli scarsi resti, che comunque ne lasciano intuire la planimetria. La cappella centrale presenta un piccolo altare quasi completamente diruto con una nicchia che mostra gli scarsi resti di un affresco. A pochi metri dalla chiesa si nota un altro piccolissimo riparo parzialmente chiuso da mura, nel cui interno vediamo una vasca di raccolta dell’acqua.
A questo luogo di culto della valle del Vasto il popolo di Assergi donò, nel 1525, una vicina cava di pietre per macine da mulino. Il reddito derivante dalla cava doveva servire alla manutenzione della chiesa. Non è noto fino a quando la chiesa rimase aperta al culto, ma è probabile che il terremoto del 1703, che distrusse moltissimi paesi, sia stato anche la causa del crollo di Santa Maria della Croce.
Anticamente, nella notte precedente la Pasqua, una processione partiva da Assergi e si recava, passando per la “Cona”, alla chiesetta di San Clemente “in fratta”. Qui si celebrava il mistero della Resurrezione e si prendeva la via del ritorno. La processione, prima di rientrare in paese, si fermava a pregare a Santa Maria della Croce.
Dalla chiesa si prosegue per un sentiero molto evidente e, in un ambiente ricco di acqua e di vegetazione, si arriva in mezz’ora alla sorgente di San Giovanni, sotto il colle di San Pietro della Genca.
Dopo circa 15 minuti di cammino dalla sorgente si arriva presso un interessante complesso di grotte anticamente adibito a dipendenza agricola (grotta della Genca) e poco dopo presso i ruderi del Casale Jenca (5 minuti).
Proseguendo lungo un comodo sentiero in un magnifico ambiente naturale si raggiunge la Masseria Cappelli e la chiesa diruta di Santa Maria del Vasto (40 minuti).
L’inesorabile opera del tempo ha privato Santa Maria del Vasto di tutti quegli elementi architettonici che ne facevano un interessante monumento nascosto nel verde della valle. Un recente restauro ha recuperato la chiesa e parte del casale.
Il castello del Vasto, come gli altri castelli della valle del Raiale, all’inizio del 1400 era già diruto e abbandonato. Di “Santa Maria del Guasto” abbiamo una notizia già nel 1178 in una bolla di Papa Alessandro III e nel 1204 in un’altra bolla di Papa Innocenzo III. La sua antica origine è confermata fra l’altro da alcuni elementi architettonici inglobati nella costruzione.
Nel 1313 le decime vescovili a cui era soggetta risultano piuttosto esigue a conferma che il suo declino era già in atto.
Tutta la valle, e in particolare l’antico castello del Vasto, riprese vita con l’avvento della famiglia Cappelli, che nella seconda metà del 1700 iniziò una lenta opera di acquisizione della montagna fino ad allora di proprietà dei confocolieri dei castelli diruti.
Dal magnifico spiazzo antistante la masseria, circondato da enormi noci, si prende una sterrata che risale verso la strada provinciale (45 minuti). Raggiunta la provinciale, la si percorre in direzione di Assergi, fino a scorgere San Pietro della Genca, che si raggiunge seguendo l’indicazione stradale (60 minuti). Quest’ultimo tratto, pur percorso su strada asfaltata, è piacevole per il bel panorama sulla valle e le montagne circostanti.
La chiesetta di San Pietro della Genca si scorge isolata sul colle, discosta dalle modeste casette dell’omonimo e antico castello.
I documenti, relativi al pagamento delle decine, che attestano l’esistenza di S. Petri de Guasto alias de Genca portano la data del 1313, ma si può ipotizzare che la sua origine risalga almeno al XII secolo.
Fu parzialmente ricostruita nel 1574, probabilmente dopo un lunghissimo periodo di abbandono, visto che lo stesso castello era diruto già nei primi decenni del 1400. Nel 1568 il castello disabitato e in rovina fu ceduto, insieme a parte della montagna, da L’Aquila alla Terra di Camarda. Qui i paesani costruirono numerose casette per il ricovero degli animali, visto che la pastorizia rappresentava l’unica possibilità per sfruttare quei ripidi e aridi pendii.
Come ogni luogo di culto situato a quote elevate San Pietro della Genca ha avuto numerosi periodi di abbandono, seguendo in pratica le vicende storiche del piccolo villaggio.
Dal 18 maggio 2011, la Chiesa di San Pietro della Ienca è stata eretta a Santuario del Beato Giovanni Paolo II. E’ il primo Santuario in Europa, la presenza dei pellegrini e dei turisti è aumentata notevolmente. Diverse migliaia di fedeli hanno visitato in questi anni il Santuario, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, anche con gruppi organizzati.

 



Condividi

    



Commenta L'Articolo




Last Post

Alle polemiche sull'Hotel Cristallo rispondono Silvio Liberatore e Pierluigi Biondi

Image Sample Dopo la denuncia da parte del sindaco di Collarmele Tonino Mostacci sulla precarietà delle condizioni in cui sarebbero state "abbandonate" delle cittadine di Collarmele dimesse dal San Salvatore e portate all'Hotel Cristallo a Fonte Cerreto per la quarantena, c'è s...leggi tutto

Condividi



Pensieri confusi nella mente ci riportano alle punizioni del passato...

Image Sample Cari amici di “Assergi Racconta”, in questi giorni di quarantena forzata, non poteva mancare una riflessione di Franco Sabatini:   "...è dall'inizio di questo sofferente e malinconico periodo che stiamo vivendo, tra i tanti pensieri che si accavallano c...leggi tutto

Condividi



Domani consegnata alla Protezione civile dell'hotel Cristallo per fronteggiare l'emergenza

Image Sample L'Hotel Cristallo a disposizione per fronteggiare l'emergenza, domani la struttura sarà consegnata alla Protezione civile regionale   L’hotel Cristallo sarà messo a disposizione della Asl numero 1 e della Protezione civile regionale per fronteggiare l&r...leggi tutto

Condividi



Alle Falde del Gran Sasso - A. Semeraro 1936 un gruppo di amici penetra nella Grotta a Male

Image Sample "Essendo noi tutti da giorni segregati in casa, senza sapere fino a quando, dal “corona virus”, Raffaele Alloggia ha pensato che possa essere l’occasione per conoscere più da vicino personaggi che nel secolo scorso, hanno dato lustro a Paganica. Nel settembre del 201...leggi tutto

Condividi



Frammenti del passato - di Roberto Carpi -

Image Sample Frammenti del passato - di Roberto Carpi -         Questa fotografia, fatta alla piazzetta Carrozzi, risale al 1956, e mostra  da destra verso sinistra mio suocero Adamo, mia suocera...leggi tutto

Condividi



Frammenti del passato - di Roberto Carpi -

Image Sample Frammenti del passato - di Roberto Carpi -         Questa fotografia, fatta alla piazzetta Carrozzi, risale al 1956, e mostra  da destra verso sinistra mio suocero Adamo, mia suocera...leggi tutto

Condividi



Auguri a nonna Maria De Luca che oggi compie 100 anni!

Image Sample Cari amici di “Assergi Racconta”, in un momento come questo che stiamo vivendo, siamo felici di potervi segnalare un evento gioioso: oggi Maria De Luca (figlia di Giovanni De Luca) compie 100 anni! E’ nata e vissuta ad Assergi dal 1920 al 1945, sposata il 5 maggio 1945, con Ugo ...leggi tutto

Condividi



San Giuseppe, giornata di festa dedicata al papà - Una riflessione di Franco Sabatini

Image Sample Oggi è una giornata un po' speciale per la ricorrenza di San Giuseppe con l'augurio di buon onomastico a tutti/e coloro che ne portano il nome ma, soprattutto, una ricorrenza particolare dedicata a tutti i papà; bene, tutti abbiamo avuto e chi ha ancora l'immensa fortuna...leggi tutto

Condividi



Paganica e Assergi in lutto per la scomparsa di Tonino Tacca

Image Sample Questa mattina è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari Antonio Tacca più conosciuto come Tonino, di 87 anni.  Ne danno il triste annuncio la moglie Elide, i figli Gianluca e Monica. Era originario di Assergi ma da tanti anni viveva a Paganica.  In tempi di Coronav...leggi tutto

Condividi



Parco Gran Sasso, esposto al prefetto contro circolare del direttore sul lavoro agile

Image Sample Un gruppo di dipendenti del Parco Nazionale del Gran Sasso-Monti della Laga ha presentato un esposto al prefetto, Cinzia Torraco, contro la circolare che il direttore dell’ente, Alfonso Calzolaio, ha emanato  alla luce del decreto del presidente  Conte, con una serie di linee guid...leggi tutto

Condividi



Archivio Post