Roio

Roio e L’Aquila ricordano Monsignor Virgilio Pastorelli a vent’anni dalla sua morte

Roio e L’Aquila ricordano

Monsignor Virgilio Pastorelli a vent’anni dalla sua morte

“Dal Gran Sasso ai Monti dell’Hermon”

 

Ho appuntamento con “don Virgilio” alle quattro del pomeriggio, subito dopo il suo riposino pomeridiano. Busso, e sono le nipoti ad aprirmi. Nella sala d’ingresso della casa il mio sguardo è rapito dal sorriso di papa Giovanni XXIII, raffigurato in un ritratto a carboncino, e dal grande orologio a pendolo posto accanto al pianoforte con cui, mi dicono, monsignore ama esercitarsi abitualmente. Mi presento, chiedo di don Virgilio e rispondono che è su, nella camera-studio, ad aspettarmi. Passo dopo passo, salgo accompagnato dallo scricchiolio delle scale di legno attutito dal suono dello stereo che diffonde i concerti brandeburghesi di Bach, compositore che il don sembra particolarmente gradire.

Buon pomeriggio Monsignore, come va?

Finalmente sei arrivato (la pazienza non è una delle sue virtù). Comunque, non molto bene, oggi il dolore al ginocchio mi costringe a stare a letto.

Prima di sederti puoi per favore spegnere lo stereo e stendermi il bicchiere d’acqua poggiato su comodino che devo prendere la pasticca per il cuore, a questa età gli acciacchi non mancano mai.

Ecco l’acqua Monsignore. Mi piacerebbe ascoltare la sua storia

Sono nato il 15 settembre 1919 a Roio Piano dove tuttora risiedo in via dei Giardini. Sono compaesano di San Franco. Mia madre Florinda era casalinga, mentre mio padre Fabio faceva il calzolaio. Era davvero in gamba nel suo lavoro, venivano persino da Lucoli a farsi accomodare le scarpe.

Come mai ha scelto di fare il parroco?

Un po’ per vocazione e un po’ per esigenze di casa. Sai, la mia era una famiglia numerosa: eravamo sette fratelli (tra i quali Marino, Domenico e Aleandro) e una sorella maggiore che si chiamava Adelina. Due di loro ci hanno lasciato poco dopo la nascita, il più piccolo, Olivo, studiò medicina a Roma e io fui mandato al seminario regionale di Chieti. Spesso i miei mi inviavano cartoline per sapere come stavo, e se tardavo a rispondere si preoccupavano molto. Dopotutto, a quei tempi, parliamo degli anni Trenta, le comunicazioni erano quelle che erano, non c’erano certo i telefonini!

Dove iniziò a esercitare il sacerdozio?

Fui ordinato sacerdote il 28 giugno del 1942. Iniziai il mio mandato nelle chiese di San Giovanni e Ss. Cosma e Damiano a Cagnano, da lì venni trasferito a Sant’Andrea di Lucoli quindi a Pie’ la Costa di Tornimparte, per far ritorno in seguito nel Lucolano, dove divenni persino abate dell’Abbazia di San Giovanni. Nelle mie piccole trasferte mi seguiva spesso mia sorella e qualche volta mia nipote Anna Maria per attendere alle faccende domestiche.

Ho saputo che ha seguito le vicende che hanno interessato il mondo dei pastori

Si, negli anni Cinquanta divenni Cappellano della “Pia Unione Pastori”, ne seguii le vicende con incontri, manifestazioni e approfondite ricerche, con il compito di restituire dignità a un mestiere, quello del pastore, che per secoli aveva sfamato le famiglie dell’Abruzzo montano. Più tardi (anni Ottanta) il 5 agosto di ogni anno venivo invitato a celebrare messa a Campo Imperatore, al cospetto della statua di Vicentino Michetti che lo scultore volle realizzare in ricordo della famiglia del pastore Nunzio Pupi che perì su quei monti insieme ai figlioletti. La moglie morì poi di crepacuore.

Come ha fatto a diventare uno dei personaggi di spicco della curia aquilana?

Negli anni Sessanta mi recai a Roma dove mi dedicai agli studi umanistici e teologici per poi far ritorno all’Arcidiocesi dell’Aquila. Divenni arcidiacono della Cattedrale e per un breve periodo vicario generale della Diocesi quando era vescovo Carlo Martini. Nel 1995 fui nominato dal pontefice Giovanni Paolo II “Protonotario Apostolico”, per alti meriti ecclesiastici. Sono sempre stato uno dalla penna facile e spesso scrivevo discorsi che venivano letti nelle grandi occasioni. Divenni anche responsabile della curia per la “Perdonanza Celestiniana”.

Quale fu il suo rapporto con il cardinale Carlo Confalonieri?

Un ottimo rapporto direi. Anche per il comune amore che ci legava e tuttora mi lega al Santuario Mariano di Roio. Lo conobbi durante il suo decennio episcopale aquilano (1941-1950). Nel 1987, un anno dopo la sua morte, scrissi un libro a lui dedicato: “Un vescovo una città”. Il volume narra delle vicende che coinvolsero l’Arcidiocesi aquilana nei duri anni della Seconda Guerra Mondiale e del rapporto privilegiato che l’alto prelato ebbe con il Santuario della Madonna della Croce.

 

Come passa il tempo oggi?

A pensarci bene, prima giravo spesso. Sembra così lontano il viaggio che feci in Terra Santa che poi tradussi in un libro intitolato: “Dal Gran Sasso ai Monti dell’Hermon”. Era l’anno 1964.  Adesso, invece, per via dell’età e degli acciacchi non posso fare molto. Mi limito a qualche partitella a carte (tre sette e briscola) a casa in compagnia degli amici Armando, Angelo, Tommaso, Pasquale… e di mio fratello Tonino. Celebro ogni tanto messa nella chiesetta del paese (la Cona). Poi leggo, scrivo… insomma faccio quello che mi è possibile fare e ciò che mi riesce meglio.

Quale è il messaggio che si sente di dare a tutti noi?

Un messaggio di pace e di solidarietà, ovviamente! I tempi che ci aspettano saranno duri. La globalizzazione porterà forti cambiamenti sociali e climatici che produrranno nuove emergenze le quali potrebbero trovare i cittadini impreparati. Tali inattese circostanze richiederanno un forte senso di responsabilità e affrontarle insieme sarà fondamentale. Non dimentichiamo mai però chi siamo e da dove veniamo. Con umiltà, lavoro, senso civico e tanta fede gli ostacoli potranno essere superati e con l’aiuto di Dio non perderemo mai la speranza di poterci riuscire. Dopotutto, le vie del Signore sono infinite!

Lascio “don Virgilio”, che mi saluta con il sorriso sulle labbra, con il conforto di aver avuto la possibilità di conoscere una persona di grande spessore culturale, spirituale e soprattutto umano!

Monsignor Virgilio Pastorelli, conosciuto a Roio come don Virgilio, è morto il 18 marzo 2000. Nove anni dopo, il 6 aprile, nella stessa via dove aveva sempre vissuto, lasciarono la vita terrena il fratello Aleandro e la nipote Sonia. I due familiari furono le uniche vittime del terremoto a Roio Piano.

Fulgenzio Ciccozzi

 



Condividi

    



Commenta L'Articolo




Last Post

A Roio Piano, per non dimenticare

Image Sample - di Fulgenzio Ciccozzi -   A Roio Piano, un paese in cui le ferite del terremoto fanno fatica a rimarginare, l’associazione Annina Santomarrone, con lo scopo di sollecitare l’amministrazione comunale a concedere l’autorizzazione per la posa in opera di due pietre d...leggi tutto

Condividi



Mostra di presepi artigianali a Colle di Roio

Image Sample Domenica 29 nella Chiesa della SS. Annunziata di Colle di Roio c'è stata l'apertura della seconda edizione della Mostra di presepi artigianali con una suggestiva rappresentazione della natività vivente organizzata dalla ProLoco Piana Di Rojo. Quest'anno alla mostra &eacu...leggi tutto

Condividi



Il difficile rapporto della città con le frazioni - Il caso Roio

Image Sample - di Fulgenzio Ciccozzi -     Con le attuali votazioni per rinnovare il consiglio degli usi civici (tra l’altro molto poco pubblicizzate) e ahimè (non per colpa dei cittadini) poco sentite (a Roio solo 109 votanti!), si vuole cogliere l’occasione per rispo...leggi tutto

Condividi



Cacciatore Impallinato dal compagno di caccia a Roio

Image Sample Poteva avere conseguenze ben più gravi l’incidente che si è verificato ieri mattina in prossimità di Monteluco di Roio, un cacciatore è stato impallinato dal compagno di battuta. Sull’episodio stanno indagando i carabinieri-forestali dell’Aquila per r...leggi tutto

Condividi



Grande partecipazione alla Festa del Pane di Roio

Image Sample Domenica 4 agosto, le frazioni di Roio Colle, Santa Rufina, Roio Piano e Roio Poggio con la supervisione della Pro loco Piana di Rojo, si sono unite per la tradizionale Festa del pane. I preparativi erano iniziati all’alba di sabato 3 Agosto, quando le mani energiche delle donne roiane ha...leggi tutto

Condividi



Grande partecipazione alla Festa del Pane di Roio

Image Sample Domenica 4 agosto, le frazioni di Roio Colle, Santa Rufina, Roio Piano e Roio Poggio con la supervisione della Pro loco Piana di Rojo, si sono unite per la tradizionale Festa del pane. I preparativi erano iniziati all’alba di sabato 3 Agosto, quando le mani energiche delle donne roiane ha...leggi tutto

Condividi



La comunità di Roio ha festeggiato questa domenica la festa di San Franco

Image Sample In concomitanza con la solennità della Pentecoste, la comunità di Roio ha ricordato il suo santo Patrono. Don Osman ha sottolineato, durante l’omelia, il ruolo che ha avuto lo Spirito Santo, nella scelta radicale che ha fatto San Franco. "Senza lo spirito non è pos...leggi tutto

Condividi



Il 31 Maggio chiusura del mese di Maggio alla Via mariana.

Image Sample La parrocchia "Santa Maria della Croce" a poggio di Roio, rinnova l'invito a tutta la popolazione dell'Aquila e a tutte le parrocchie, comunità religiose, piccoli e grandi, all'annuale appuntamento il 31 Maggio alle 16:00 alla Via Mariana, in occasione della chiusura ...leggi tutto

Condividi



Interventi di manutenzione del verde pubblico e arredo urbano nella pineta di Roio

Image Sample “Con delibera 177 del 13/05/19 l’Amministrazione Comunale ha stabilito di rimodulare l’utilizzo del mutuo finanziato dalla Cassa DD.PP., previsto per la realizzazione di un’area giochi nella zona di piazza d’Armi, ed utilizzarlo per riqualificare e valorizzare la Pin...leggi tutto

Condividi



Consueto cammino spirituale lungo la via Mariana con don Osman per il primo Maggio

Image Sample  In occasione delle celebrazioni per il primo maggio, la parrocchia di Roio Poggio, come ogni anno, invita tutta la cittadinanza, le comunità parrocchiali, i catechisti, i ragazzi, i giovani, le comunità religiose, i gruppi e le associazioni cristiane a partecipare al consueto ...leggi tutto

Condividi



Archivio Post