Ricerca: Schifani, tagli non devono intaccarne qualitÓ

“Purtroppo la grave crisi mondiale e italiana che stiamo attraversando ha portato a necessarie riduzioni di bilancio e a un conseguente doloroso ridimensionamento in molti settori. I tagli pero’ non possono ne’ devono intaccare la straordinaria qualita’ dei nostri ricercatori e delle nostre ricercatrici“. Lo ha detto il presidente del Senato, Renato Schifani, intervenendo alla consegna dei premi II edizione della ‘Bioeconomy Rome’ International Conference nella sala degli Atti parlamentari della biblioteca del Senato.

Schifani ha sottolineato che “la ricerca scientifica e’ fondamentale a molti livelli” e che “si puo’ senza dubbio affermare che un paese che non fa ricerca e che non aiuta la ricerca e’ un paese dall’avvenire incerto“. Ha evidenziato poi il problema della ‘fuga dei cervelli’, “di molti giovani che si recano soprattutto negli Stati Uniti dove riescono a lavorare meglio, ad avere maggiori finanziamenti a disposizione per le loro ricerche, con strutture piu’ avanzate e servizi piu’ importanti” e che le istituzioni in Italia hanno “a cuore il problema: vogliamo consentire – ha sostenuto – una parita’ di accesso a tutti i giovani meritevoli in campi come quello della ricerca“.

“Mi pare – ha proseguito – che nonostante le difficolta’, stiamo facendo del nostro meglio per tenere l’Italia dalla parte di quelle nazioni che credono nella ricerca e investono nei loro giovani. Sono certo che, nonostante le difficolta’ del momento, le istituzioni che da sempre hanno a cuore il progresso della scienza, sapranno individuare le risorse necessarie per proseguire sperimentazioni, studi e indagini, e per consentire all’Italia e ai suoi ricercatori di scoprire e sviluppare nuove idee e nuovi percorsi sempre piu’ all’avanguardia, validi ed efficaci, che trasformino le speranze in concrete realta’“.


 



Condividi

    



Commenta L'Articolo