Operazione condotta dai Forestali del Comando Stazione di Assergi, sequestrati 27,7 Kg di prataioli

Due persone sono state fermate dagli agenti del Corpo Forestale dello Stato del Comando Stazione di Assergi a Campo Imperatore, nelle vicinanze del Lago di Pietranzoni, nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, in quanto trovate in possesso di un ingente quantitativo: 27,7 Kg, di funghi prataioli (Agaricus campestris).

Come riferito dal Coordinatore del CTA CFS dell’Ente Parco, Carlo Console, i due raccoglitori, che erano provvisti di patentino e di idonei sacchi a dispersione, sono stati deferiti all’autorità giudiziaria, mentre i funghi sono stati consegnati alla ASL per le procedure di rito. La normativa vigente, come è noto, determina in 3 kg pro-capite il limite ordinario di funghi epigei spontanei che si possono raccogliere, fatte salve alcune eccezioni rientranti nei diritti di uso civico e di residenza che innalzano tale limite di alcune unità.

La Direzione dell’Ente Parco si è complimentata con gli agenti del Corpo Forestale dello Stato per il sensibile impegno profuso nella vigilanza e nel controllo del territorio, nell’auspicio che i successi riportati nel corso delle attività di sorveglianza costituiscano sempre più un deterrente per le azioni illecite ed un richiamo al senso civico e al rispetto dell’ambiente e delle norme che ne regolano l’utilizzo sostenibile.





 



Condividi

    



Commenta L'Articolo



Categorie News

Cerca nel sito