Bazzano, Ŕ stata inaugurata la variante con il viadotto

 L’Anas ha aperto ieri a Bazzano il nuovo collegamento tra la strada statale 17 «dell’Appennino Abruzzese» la strada provinciale 17ter - a sua volta collegata con il casello «L’Aquila Est» dell’autostrada A24 - e la strada comunale via Mausonia. L’opera è denominata strada statale 684dir «tangenziale Sud dell’Aquila». L’intervento, per un investimento complessivo di circa 20 milioni di euro cofinanziato da Anas e Provincia dell’Aquila, migliora da subito la sicurezza per la circolazione e la fluidità delle correnti di traffico, consentendo l’intersezione in tutte le direzioni senza svolte a sinistra ed eliminando l’attraversamento della linea ferroviaria, in passato regolato da passaggio a livello. «Consegniamo ai cittadini» ha affermato il presidente dell’Anas Gianni Vittorio Armani «un’opera importante per il miglioramento della viabilità e della sicurezza a ridosso del centro abitato dell’Aquila. La sua realizzazione ha subìto forti ritardi che hanno richiesto un grande impegno da parte di Anas, legati sia alle conseguenze del sisma, che ha imposto modifiche e varianti al progetto iniziale, sia alle difficoltà dovute alla crisi finanziaria dell’impresa appaltatrice, poi risolte con il subentro di una seconda impresa». L’opera è costituita da un viadotto di lunghezza complessiva pari a circa 800 metri che consente lo scavalco della ferrovia e, tramite due rampe e un sottopasso di 60 metri, permette l’innesto alla strada provinciale 17ter a nord e alla strada statale 17 a sud. Sono state inoltre realizzate quattro rotatorie del diametro di circa 50 metri che consentono tutte le manovre di svincolo tra le varie direttrici di traffico. In particolare: la rotatoria «Mausonia» che consente l’innesto dell’asse principale del viadotto sulla via Mausonia; la rotatoria «di Paganica», che regola l’intersezione tra la strada statale 17 «dell’Appennino Abruzzese» e la strada provinciale 17bis per Paganica; la rotatoria «di Bazzano» per l’innesto tra la strada statale 17 e la strada provinciale 17ter e, infine, la rotatoria «della SS17ter» che permette il collegamento tra il nuovo viadotto e la strada statale 17. L’intervento ha riguardato anche la realizzazione dell’impianto di illuminazione e le opere accessorie. «Con questo intervento» ha affermato il sindaco Massimo Cialente «si crea una fondamentale infrastrutturazione che ci permetterà di bypassare la città, da est ad ovest. Un’opera che sarà ancora più efficiente collegando la Mausonia alla strada statale 17 oltre Poggio Picenze. Con i nuovi insediamenti abitativi del post sisma, infatti, la statale 17 è divenuta una strada a tutti gli effetti di dimensioni comunali. Si tratta di uno sforzo che il Comune è pronto ad appoggiare».

 



Condividi

    



Commenta L'Articolo